‘L’arte non è cosa nostra’: Sgarbi presenta la sua Biennale

image_pdfimage_print

Vittorio Sgarbi

“L’arte non è cosa nostra”: Vittorio Sgarbi il 5 maggio nel corso di una conferenza stampa ha presentato il Padiglione Italia della sua Biennale di Venezia. Nella lista gli artisti partecipanti sarebbero circa 200,  i nomi per la mostra all’Arsenale e tantissimi altri per le mostre sparse per l’Italia, per un totale di circa 2.000 nomi. Sgarbi ha precisato che si riserverà la possibilità di inserire ancora qualche nome.

Perché dovremmo affidarci ai “curatori” o, come si vogliono con civetteria chiamare, “curatori indipendenti”? Perché ci indichino i loro protetti, ci portino nella loro infermeria dove “curano” i loro pazienti e malati? L’arte è diventata come un ospedale, al quale hanno accesso solo i medici e i parenti dei malati. (…) Non potrà mancare il Museo della Mafia, che accoglierà il pubblico nella Tese dei Soppalchi, riaperta per l’occasione, con un grande cartello che farà da filo conduttore dell’intero Padiglione Italia: “L’Arte non è Cosa Nostra”. (…) Nel Padiglione Italia vi sarà poi la presenza dei più significativi artisti italiani operosi all’estero, attraverso un collegamento in tempo reale con tutti gli Istituti di Cultura (ottantanove), che potranno segnalare un solo artista o più artisti. Cento televisori saranno un occhio aperto sul mondo entro il Padiglione Italia. Simmetricamente in un palazzo veneziano, andranno documentati gli artisti stranieri che lavorano in Italia. Ma il Padiglione Italia vero e proprio sarà altrove, sarà in tutta Italia, tentando una rappresentazione variegata e credibile della creatività italiana indagata regione per regione. Nei Capoluoghi di Regione, con la collaborazione degli assessorati alla cultura e di direttori di musei, si tenterà l’inventario di pittori, scultori, fotografi, ceramisti, designer, video artisti, grafici, che saranno esposti nelle sedi più rappresentative e prestigiose del Paese. Ogni sede sarà Padiglione Italia, consentendo l’esposizione di circa mille artisti in corrispondenza con l’epopea dei Mille nel 150° dell’Unità d’Italia. L’indagine non sarà completa senza una rappresentanza delle venti Accademie di Belle Arti d’Italia, i cui direttori sono stati chiamati a proporre una scelta delle opere dei loro allievi (che hanno frequentato queste accademie negli ultimi 10 anni. n.d.r) Mi affiancheranno critici e studiosi per esaminare la grande quantità di materiali che arriveranno alla mia attenzione. Dunque “et et”, lontani dall “aut aut” cui i critici-curatori-infermieri ci hanno obbligati fino a oggi. (Vittorio Sgarbi)

Ecco la la lista degli artisti e dei rispettivi segnalatori:
 
 
PADIGLIONE ITALIA- ARSENALE
54° ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE D’ARTE DELLA BIENNALE DI VENEZIA
 
Adami Valerio – Livolsi Marino
Argeles Gloria – Lamarque Vivian
Arrivabene Agostino –  Pizzi Pierluigi
Atti Patrizia – Koelliker Luigi
Bafico Enrico – Verrecchia Anacleto
Balena Vincenzo – Cucchi Maurizio
Barbieri Olivo – Zannier Italo
Bartolini Giuseppe – Moresco Antonio
Bazzocchi Paolo – Donà Massimo
Begnoni Renato – Zannier Italo
Bergomi Giuseppe – Botta Mario
Bertelli Pino – Gallo Don Andrea
Bertozzi e Casoni – Siti Walter
Biagi Giuseppe – Gregori Mina
Biasi Olimpia – Naldini Nico
Biasucci Antonio – Zannier Italo
Bicio Fabbri Fabrizio – Sparagna Vincenzo
Bielli Paolo – Luxuria Vladimir
Boille Luigi – De Mauro Tullio
Bonalumi Agostino – Zichichi Lorenzo
Bonaventura Andrea – Canali Luca
Boragina Pietro – Marcenaro Giuseppe
Bottoni Maurizio – Forattini Giorgio
Bozzato Paolo – Bernardini Paolo Luca
Brachetti Peretti – Fernando Jacopetti Gualtiero
Bulzatti Aurelio – Capriolo Paola
Busci Alessandro – Micheli Francesco
Cafagna Lucianella – Merlo Francesco
Campigotto Luca – Zannier Italo
Campironi Clarissa – Artom Arturo
Campus Ciriaco – Abruzzese Alberto
Capellini Lorenzo – Ripa di Meana Carlo
Capitano Giuseppe – Craveri Benedetta
Cappello Giovanni – Zannier Italo
Cardena Felipe – Cappelli Gaetano
Carmi Eugenio – Andreose Mario
Catone Ramello – Zannier Italo
Cattani Bruno Zannier Italo
Cavallari Roberta – Lucie-Smith Edward
Celiberti Giorgio – Maurensig Paolo
Colazzo Marco – Ferretti Dante
Colin Gianluigi – Zannier Italo
Coltro Davide – Cavalleri Cesare
Consorti Paolo – Melograni Piero
Cremonini Leonardo-  Fumaroli Marc
Crocicchi Luca – Panzeri Fulvio
Cucchi Enzo – Castelvecchi Alberto
Cucco Grazia – Rapetti (Mogol) Giulio
Cuoghi Vanni – Arevalos Matteo Ramon
Cuschera Salvatore – Corrao Ludovico
De Conciliis Ettore – Ben Jelloun Tahar
De Luca Antonio – Giametta Sossio
Degli Esposti Dominique – Castoldi Marco
Della Loggia Galli – Asti Adriana
Della Torre Enrico – Ferrero Ernesto
Delogu Marco-  Loy Rosetta
Di Piazza Fulvio – Birolli Zeno
Di Stasio Stefano – Colasanti Arnaldo
Dolcetta Marco – Guglielmi Angelo
Dompè Maria -Trucchi Lorenza
Dondero Mario – Ordine Nuccio
Dorfles Gillo – Fiorucci Elio
Ducrot Giuseppe – Ferrara Giorgio
Ducrot Isabella – Ronchey Silvia
Echaurren Pablo – Baraghini Marcello
Eshetu Theo – Silvestri Roberto
Esposito Lello – Ozpetek Ferzan
Fallani Mario – Nirenstein Fiamma
Faravelli Stefano – Dentice Fabrizio
Ferri Roberto – Isman Fabio
Fiorio Giorgia – De Michelis Cesare
Fioroni Giosetta – Silva Umberto
Fonda Lorenzo – Albertazzi Giorgio
Frammartino Michelangelo – Ciotta Mariuccia
Francesconi Mario – Cancogni Manlio
Frangi Giovanni – Doninelli Luca
Frappi Luigi – Portoghesi Paolo
Frongia Lino – Carriglio Pietro
Gallo Alessandro – Terminiello Giovanna
Gandolfi Paola – Ravera Lidia
Garau Salvatore – Sanna Gavino
Geranzani Pietro – Bruno Gianfranco
Gherardi Isabella – Servadio Gaia
Giannobi Marina – Odifreddi Piergiorgio
Giorgi Paolo – Augias Corrado
Giovannoni Alessandra – Volpi Orlandini Marisa
Grassini Paolo – Baresani Camilla
Grassino Paolo – Culicchia Giuseppe
Greco Ettore – Guerri Giordano Bruno
Gribaudo Ezio – Giugiaro Giorgetto
Gubinelli Paolo – Guerra Tonino
Guccione Piero-  Battiato Franco
Guerzoni Franco – Santagata Marco
Guidi Guido – Zannier Italo
Icaro Paolo – Ballerini Luigi
Lagrotta Massimo – Ricci Franco Maria
Leone Francesca – Morricone Ennio
Listri Massimo – Gnoli Raniero
Lo Giudice Marcello – Pressburger Giorgio
Lombardi Enrico – Sini Carlo
Longaretti Trento Bianchi Enzo
Longobardi Nino – Trione Vincenzo
Lorenzetti Carlo – Gregory Tullio
Maini Roberto – Matteucci Rosa
Manfredini Giovanni – Rondoni Davide
Marangoni Federica – Zorzi Alvise
Mariani Marcello – Zavoli Sergio
Marotta Gino – Battistelli Giorgio
Marras Antonio – Niffoi Salvatore
Martinelli Andrea – Nesi Edoardo
Martinez Filippo – Alberti Barbara
Martinez Florencia – Insana Jolanda
Martini Pandozy Raffaele – Maffettone Sebastiano
Medail Patrizia – Gazzoni Grazia
Monica Ferrando – Agamben Giorgio
Montanino Veronica – Cerami Vincenzo
Montessori Elisa – Salaris Claudia
Mosena Stefano – Roveredo Pino
Mostyn Owen Orlando – Sartoni Giovanni
Muzzolini Bruno – Scarpa Tiziano
Nelson Ricci Loris – Letta Gianni
Nocera Antonio – Godart Louis
Ortona Giorgio Lopez – Antonio Garzia
Papetti Alessandro – Romano Marco
Paradiso Antonio – Schwarz Arturo
Parisi Parisi – Buttafuoco Pietrangelo
Parmiggiani Claudio-  Citati Pietro
Patella Luca Maria – Zannier Italo
Pedretti Antonio – Angelo Crespi
Pellegrini Max – Colombo Furio
Pellegrini Simone – Mazzotta Gabriele
Pericoli Tullio – Settis Salvatore
Perilli Achille – Manisco Lucio
Petrassi Luigi – Blad Roman
Petrus Marco – Veneziani Marcello
Pietrantoni Marcello – Zecchi Stefano
Pignatelli Ercole – Veca Salvatore
Pistoletto Michelangelo – De Masi Domenico
Pizzi Donata – Rampello Davide
Politano Franco – Dalla Lucio
Ravà Tobia – Camon Ferdinando
Renzetti Eros – Consoli Vincenzo
Robusti Enrico – Langone Camillo
Roma Fausto – Ainis Michele
Rosi Claudio – Lupetti Fausto
Salbitani Roberto-  Zannier Italo
Samorì Nicola – Avallone Silvia
Savinio Ruggero – Andreoli Annamaria
Scafiti Salvatore-  Nicoletti Gianluca
Severino Federico – Mercenaro Giuseppe
Siciliano Bernardo – Mafai Miriam
Soccol Giovanni – Spaziani Maria Luisa
Somalvico Giorgio – Shammah Andrée Ruth
Spica Pietro – De Carlo Andrea
Stefanoni Tino – Olmi Ermanno
Talani Giampaolo – Canessa Fabio
Tamagnini Luca – Quilici Folco
Tamburelli Giovanni – Vassalli Sebastiano
Toccafondo Gianluigi – Salis Stefano
Toscani Oliviero – Pasquino Gianfranco
Trizzino Lucio – Canfora Luciano
Troilo Paolo -Tawfic Younis
Trombadori Duccio – Ferrara Giuliano
Vaccari Wainer – Franchini Roberto
Valsecchi Claudio – Foster Norman
Veneziano Giuseppe – Pinkettz Andrea
Ventrone Luciano – Conte Giuseppe
Ventura Paolo – Zannier Italo
Vignozzi Piero – Peregalli Roberto
Vitali Giancarlo – Vitali Andrea
Vitali Velasco – Giorello Giulio
Vivante Anna Pasti Umberto
Waschimps Elio – Bologna Ferdinando
Zanta Marco – Zannier Italo
 
 

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

One Comment

  1. 10 settembre 2011

    Esserci per scomparire
    Vernissage del 13 giugno 2011 del Padiglione Italia a cura Vittorio Sgarbi, all’Arsenale per la 54° Biennale di Venezia.
    Cronistoria:
    Ahooo!…. c’ero anch’io
    Cosa esiste di più bello che esserci a tutti costi per poi sparire in mezzo a tutte le altre centinaia di opere sparpagliate in ogni dove; sopra e sotto a destra e sinistra di qua e di la dentro e fuori e ovunque fosse possibile infilare qualcosa, ebbene io per il mio pubblico non mi tiro mai indietro e quindi anche questa volta ero lì. L’occasione l’inaugurazione del padiglione Italia alla Biennale di Venezia (del 13 giugno 2011) che nonostante le critiche aveva fatto il pienone e non poteva essere altrimenti visto il prestigio di cotanta mostra come quella di Venezia e visto i circa 300 artisti che esponevano. Il successo di pubblico era l’unica cosa assicurata del resto tutti noi abbiamo almeno un marito o una moglie dei genitori dei figli uno o più fratelli, cugini ed almeno un paio di amici stretti, e i conti son presto fatti. Del resto come si poteva far mancare la propria presenza in un giorno così importante a tanti artisti che la biennale se la sognavano anche di notte proprio come me, ma porca pupazza loro ci sono riusciti io no. Anzi si! Io c’ero nonostante tutto e tutti. Vittorio Sgarbi mi aveva pure telefonato ma dopo una breve chiacchierata mi ha detto che non lo avevo convinto, ma forse è un buon segno. Io nel partecipare non avrei di certo avuto nulla da perdere, che volete che me ne importi a me di attaccare la mia opera appiccicata ad altre mille, quando io come un parassita le attacco addirittura sopra le opere degli altri. Cosa volete che me ne importi a me di dover competere per accaparrarmi un po’ di attenzione del pubblico dell’arte tra centinaia e centinai di opere, quando da diciotto anni attacco nelle strade delle città i miei adesivi con la mia faccia alla merce distratta dei passanti cittadini e competendo tutti i giorni con la massiccia invasione pubblicitaria con la quale le città sono aggredite e violentate. Lì si che rischio di perdere la mia battaglia, e ogni giorno mi prendo la mia rivincita. Al padiglione di Sgarbi avrebbero dovuto partecipare solo artisti che fanno un certo tipo di lavoro che esce fuori anche nel caos più totale e che anzi del caos si nutrono. Pertanto approfittando dell’ulteriore confusione venutasi a creare per la presenza di Elio delle storie tese che si era travestito da frate per l’opera di un artista, ho srotolato il mio manifesto in PVC “I want Pino Boresta to the Venice Biennial” e l’ho appeso rimanendo lì in bella vista esposto abusivamente per tutto il giorno dell’inaugurazione. In molti lo hanno visto e possono confermare non ultima un’entusiasta Laura Palmieri.
    pino boresta

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *