Aprono le Oasi WWF

image_pdfimage_print

DOMENICA 22 MAGGIO – “IL RICHIAMO DELLA FORESTA E’ QUI”

Domenica 22 maggio circa 100 Oasi aperte gratuitamente al pubblico in tutte le regioni italiane, un vero mosaico di meraviglie naturali di cui oltre 40 costituite da boschi. L’occasione, in piena stagione primaverile e di migrazioni degli uccelli, è speciale per l’osservazione di animali rari e protetti, per partecipare a iniziative speciali e passare una giornata di relax insieme agli esperti del WWF.

Tra le tante iniziative quest’anno c’è il Tree Listening ovvero ascolto dei suoni di un albero, un’opera creata dall’artista – designer inglese Alex Metcalf in Italia per la prima volta in assoluto, dove sarà possibile indossando le cuffie e immergersi nelle sonorità della vita di un albero, ascoltando in maniera amplificata i suoni prodotti durante le sue quotidiane attività al Cratere degli Astroni a Napoli.
Inoltre laboratori di costruzione di maschere degli animali dell’oasi di Marmirolo in Emilia Romagna, una minimaratona nell’oasi si Macchiagrande nel Lazio che compie 25 anni, conoscere e riciclare il sughero per salvare le sugherete grazie al laboratorio allestito a Vanzago in Lombardia, riconosciamo gli alberi dalle foglie a Villa Paolina in Piemonte,  lavorazione della ceramica ai Calanchi di Atri in Abruzzo,  costruiamo aquiloni a Le Cesine in Puglia,  facciamo la ricotta sarda a Monte Arcosu, escursione botanica alla scoperta del ginepro fenicio a Torre Salsa in Sicilia, in Toscana passeggiata lungo il nuovo “Sentiero Natura” a Orti Bottagone, incontro con le api e il miele al Bosco San Silvestro a Caserta, prime cavalcate su docili cavalli a Valpredina nella bergamasca, liberazione di rapaci dai Centri di Recupero animali selvatici, passeggiate ornitologiche e moltissime degustazioni di prodotti tipici locali attendono famiglie e gruppi nel ricco programma consultabile sul sito www.wwf.it .

Oasi WWF

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *