Italian Revolution Roma stasera ad Annozero

image_pdfimage_print

Questa sera Annozero intervisterà i ragazzi di Italian Revolution Roma durante la puntata.

Al fine di essere coerenti con i principi di democrazia e condivisione  enunciati abbiamo realizzato, con i contributi di tutte le città, quattro punti  che forniscono le linee guida del nostro pensiero. Siccome il nostro è un movimento di proposta, oltre che di protesta, più  avanti condivideremo anche le azioni che intendiamo proporre per migliorare  l’Italia a cui stiamo lavorando tutti insieme.

1- Siamo un movimento spontaneo e pacifico formato dalla società civile, cittadini che stanno mettendo in atto una forma di lotta totalmente nuova: stiamo praticando davvero la democrazia dal basso; non abbiamo bisogno di chiedere un cambiamento perchè noi già siamo il cambiamento. Migliaia di persone  che iniziano a vivere la piazza come casa e come agorà in cui si prendono decisioni assieme, tutti alla pari.

2- La rivoluzione la facciamo coi nostri corpi, come ci hanno insegnato le piazze spagnole e maghrebine, e usiamo i social network come  strumento sia di coordinamento, sia di condivisione, sia di trasparenza sia di informazione. Questa non è una rivoluzione dietro lo schermo, e vi partecipa anche chi non sa usare il computer.

3- Molte piazze sono già attive ed esistono realtà in cui il movimento è più  consolidato come Roma, Milano e Bologna fra i grandi centri; il 27 maggio saremo  tutti in piazza, ci organizzeremo per affrontare diversi temi che partendo dalla  piazza serviranno a costruire il manifesto nazionale, l’obiettivo è di arrivare  a dei punti comuni e condivisi attraverso la partecipazione popolare e il  dialogo con tutti.

4- Siamo in collegamento costante con le piazze spagnole che ci  danno ogni giorno nuovi spunti organizzativi, siamo connessi a Tunisi, Londra, Berlino, Praga. Sappiamo che solo tutti insieme, in un movimento trasnazionale  che connetta tutte le piazze possiamo ottenere un reale cambiamento delle  politiche sociali ed economiche. Mentre scriviamo il manifesto nazionale stiamo  già avviandoci a scriverne uno europeo. italianrevolution.org

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *