Nuovo spazio espositivo a Roma: Chambre d’amis

image_pdfimage_print

di Stefania Taruffi

Affollatissima a Roma l’inaugurazione di nuovo spazio espositivo Chambres d’amis, a cura di Giorgia Calò. Non si tratta di una galleria, né tantomeno di un negozio di arredamento; è piuttosto di un luogo in cui viene data ampia visibilità ad ogni forma di arte, concependo questa nelle sue varie e sfaccettate declinazioni.

Dunque un ambiente “ibrido”, in cui saranno esposte opere di artisti visivi, fotografi, videoartisti, fashion designer, artigiani di oreficeria e bigiotteria, designer d’interni, in un dialogo aperto col fine di creare uno spazio armonico. Un luogo intimo, dove il pubblico è invitato ad entrare e a costatare quanto una camera da letto, possa parlare di noi, delle nostre passioni e preferenze.

Alla lunga lista di artisti coinvolti ci sarà anche la nuovissima figura del Bed Designer, progettista di letti e testiere in cui anche in questo caso rilevante è il linguaggio artistico che si fonde con la produzione del design contemporaneo.

L’idea di questo spazio è quella di creare a cadenza periodica una stanza, “arredandola” seguendo di volta in volta un tema specifico ed esponendo lavori che dimostrino lo stretto rapporto fra opere d’arte e utilità, fra arte e realizzazioni funzionali. Così troveremo una camera originalissima in cui il letto, le lampade, i mobili, i quadri attaccati alle pareti e persino l’armadio con gli abiti appesi parlano un linguaggio unico, raccontandoci molto sulla personalità di chi la abita. Ecco perché “La stanza di…” ad ogni allestimento cambierà nome.

Il nuovo locale romano Chambres d’amis, il cui nome è un omaggio alla celebre mostra del 1986 curata da Jan Hoet a Gent, ha inaugurato con l’esposizione La stanza di Marilyn – Fashion & Art. Come si evince dal titolo stesso la camera che è stata ricreata, sarà dedicata agli sconfinamenti tra arte e moda, rilevando come entrambe siano una fonte inesauribile d’immagini e spunti creativi cui attingere. Il nome scelto è un omaggio a Marilyn Monroe, simbolo eterno di una ricerca della bellezza che si presenta come consacrazione del prodotto estetico vendibile. La stanza è ispirata alle Pop Art, dalle tecniche impiegate ai colori accesi; dall’uso dei materiali plastici ai temi che trasformano icone già consacrate nell’immaginario collettivo in prodotti vendibili, realizzando quello che Jean Baudrillard ha chiamato “Il sogno della merce”. Tutto è in vendita, tutto è moda, tutto è arte nel momento in cui l’oggetto, qualsiasi esso sia, si trasforma in marchio glamour.

Oltre a Monica Arbib (Bed Designer), Soie Chic (Fashion Stylist), Jo-Jo (Art Designer), partecipano anche gli artisti dan.rec, Claudio Di Carlo, Elastic Group of Artistic Research, Fabio Ferrone Viola, Anna Izzo, Emilio Leofreddi, Flavia Mantovan, Elia Sabato, Daniele Statera, Emanuele Vigo, Esteban Villalta Marzi, che presentano dei lavori dedicati al tema della moda e del glamour nello stile che gli è proprio, creando un rapporto di scambio che pone l’opera in stretta relazione con lo spazio circostante.

Si ritrova così nella dimensione intima dell’abitazione uno spazio per l’arte diverso, non deputato, col fine di introdurre l’arte nei luoghi aperti di vita sociale.E’ stata inoltre presentata la collezione Natura Artificiale di Gino Marotta realizzata in collaborazione con Artbeat, oggetti di uso quotidiano che traggono ispirazione dai suoi famosissimi metacrilati. Non una semplice riproduzione ma astrazione e reinterpretazione dei suoi ormai classici elementi in forme e oggetti di uso quotidiano che diventano veri e propri must nel design, delle opere d’arte da indossare.

Chambres d’Amis

Piazza dell’Unità 28 (Via Cola di Rienzo), Roma
Orario: lun-ven 10-13/15.30-18.30. Domenica su appuntamento
ingresso libero

 

Stefania Taruffi

Stefania Taruffi

Laureata in Lingue, co-fondatrice di Itali@Magazine. "Fare cultura" è la sua passione.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *