Paco De Lucia all’Auditorium Parco della Musica di Roma

image_pdfimage_print

A pochi giorni dall’inizio del Festival Flamenco è in arrivo all’Auditorium Parco della Musica una anteprima straordinaria con l’ambasciatore del flamenco per eccellenza: il 28 settembre Paco De Lucia. Il chitarrista e compositore ritorna ad animare e scaldare la Sala Santa Cecilia con i frenetici e romantici ritmi gitani che scaturiscono dalle sue dita virtuose trasformandola in una vera e propria cueva contemporanea. Paco De Lucia si è imposto sulla scena internazionale diffondendo e rinnovando la musica spagnola, basta ricordare la sua storica interpretazione del “Concierto d’Aranjuez” di Joachim Rodrigo o le esecuzioni della musica del compositore classico spagnolo Manuel De Falla.

Paco de Lucia (Francisco Sanchez Gomez) è nato il 21 dicembre 1947 ad Algeciras in Spagna. Il padre gli insegnò a suonare la chitarra e nel 1958 Paco fece la sua prima apparizione in pubblico da professionista. Bambino prodigio, è stato in tour con la troupe di flamenco di José Greco, ma è poi diventato uno dei più famosi artisti di flamenco solisti e uno dei più ammirati chitarristi spagnoli. Con più di 25 album pubblicati e centinaia di premi vinti, ha conquistato il consenso della critica per la rivoluzione musicale da lui innescata. Il dialogo esistente tra la musica di Paco De Lucia, i ritmi del Brasile, il Jazz di Chick Corea, Al di Meola e John Mclaughlin e la musica classica di Albeniz e De Falla testimoniano, oltre ad una felice irrequietezza nella ricerca musicale, il grande respiro di questo artista che, come pochi altri geni, ha saputo ricreare “il nuovo” partendo dalla tradizione.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *