Forza di Vivere: una serata all’insegna della solidarietà

image_pdfimage_print

Roma, Teatro Tirso de Molina, domenica 26 giugno 2011 ore 18.00 e ore 21.00. Una serata all’insegna della solidarietà, un evento benefico di raccolta fondi per sostenere la ricerca scientifica in favore della PSA (Paralisi Sopranuclerare Progressiva), malattia degenerativa e alquanto rara. Lo spettacolo vedrà la partecipazione di numerosi artisti provenienti dai più famosi teatri del West End di Londra, dagli Stati Uniti, e dall’Italia tra cui: i ballerini del West End Show “Bombay dreams”, il Chase Bell Group, il percussionista Peppe Stefanelli di “Ballando con le stelle”, il gruppo di tip tap “Tappers”, il ballerino di salsa Cristian Valle, la cantante Serena d’Ercole, l’attore di teatro e televisione Pietro Romano.

L’evento di sensibilizzazione e di raccolta fondi, “Forza di vivere”, organizzato e fortemente sostenuto da Alessia Bonacci e Chase Bell, in collaborazione con l’agenzia “Un bruco blu” di Napoli per la PSP association, alla quale sarà devoluto l’intero ricavato della serata. Tra i soggetti promotori ci sono la PSPfocus di Napoli e il departimento di Neurologia della Sapienza Universita’ di Roma.

La Paralisi Sopranucleare Progressiva (PSP) è una malattia neurodegenerativa che causa la paralisi dei movimenti oculari, la difficoltà di espressione, la rigidità del collo e del tronco, la grave e precoce riduzione dei riflessi posturali che causano frequenti cadute soprattutto all’indietro. Generalmente non c’è deterioramento mentale. Conosciuta anche come sindrome di Steele-Richardson-Olszewski dal nome dei tre medici canadesi che per primi, nel 1964, l’hanno descritta come entità clinico-patologica, questa malattia presenta lesioni celebrali simili ma più estese rispetto a quelle del morbo di Parkinson, con cui spesso viene confusa in fase di diagnosi soprattutto agli esordi. Ha un evolversi assolutamente individuale: si presenta e progredisce in modi e tempi diversi da paziente a paziente. Viene classificata fra le malattie rare, ma in realtà recenti studi inglesi hanno dimostrato che l’incidenza è di circa 5 casi su 100.000 persone. Le cause sono sconosciute, ma ci potrebbe essere una componente genetica. Al momento non esistono cure o trattamenti veramente efficaci. Nel passato si riteneva che l’incidenza della malattia fosse di un caso su 100.000 persone. Studi recenti dimostrano che invece la percentuale è di almeno 5-6 su 100.000. Sembrano esserci almeno 3.000 casi diagnosticati di PSP in Italia, ma i neurologi ritengono che le persone ammalate potrebbero essere anche 10.000 con molti pazienti con diagnosi non corretta o addirittura senza diagnosi. La PSP è una malattia che non progredisce in modo costante, ma piuttosto ha un andamento lento e costante talvolta per molti anni, con un peggioramento repentino spesso legato ad eventi particolari quali una brutta caduta. Statisticamente il periodo di sopravvivenza media per un malato di PSP è di circa 7/8 anni, ma ci sono malati che sopravvivono più a lungo. Lo spettacolo “FORZA DI VIVERE” alternerà momenti di intrattenimento e dialogo a cura di noti personaggi appartenenti al mondo della medicina, della musica, della cultura, dello spettacolo. Interverranno anche medici e ricercatori tra cui il dottore Carlo Colosimo dell’Università La Sapienza di Roma.

Per contribuire alla ricerca su questa malattia, inviando una donazione:
IBAN IT-64-W-07601-03000-000008952591

Per prenotazione e acquisto biglietti:
Teatro Tirso de Molina
Indirizzo: Via Tirso, 89 – 00198 Roma
Telefono: (+39) 06 – 8411827

Per ulteriori informazioni sullo spettacolo:
forzadivivere@yahoo.com
www.facebook.com/forzadivivere

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *