Lega: bonus per professori precari del Nord per limitare concorrenza meridionali

image_pdfimage_print

Verranno assegnati 40 punti in più nella graduatoria ai professori residenti nella provincia della scuola nella quale chiedono di lavorare, questo l’emendamento inserito nel decreto sviluppo dalla Lega Nord per “mettere al riparo” gli insegnanti del nord dalla «concorrenza» dei loro colleghi meridionali. Prima firmataria dell’emendamento: Paola Goisis, capogruppo della Lega in commissione Cultura. I due relatori, Giuseppe Marinello del Pdl e Maurizio Fugatti della Lega, hanno dato i pareri sugli emendamenti presentati. Marinello ha espresso «dubbi sulla Costituzionalità» della proposta di modifica. Massimo Polledri sostiene che «I profili di costituzionalità vengono vagliati dalla presidenza, e se l’emendamento è stato ammesso vuol dire che è costituzionale».  Stando a quanto contenuto nell’emendamento del Carroccio,  nell’anno scolastico 2011-2012 nelle graduatorie ad esaurimento verranno assegnati i punteggi per titoli seguendo l’attuale legge: a essi si aggiungeranno «ulteriori 40 punti per la permanenza nella provincia di appartenenza». Chi ha richiesto nel frattempo il trasferimento potrà revocarlo ottenendo i 40 punti di bonus. Prevista nel corso del pomeriggio la votazione sull’emendamento.

Manuela Ghizzoni, capogruppo Pd nella commissione Cultura della Camera ha dichiarato: «Nel merito il premio previsto dalla norma leghista è palesemente in contrasto con la recente direttiva del ministro Gelmini che ha riaperto le graduatorie consentendo i trasferimenti di provincia e imponendo cinque anni di permanenza nella stessa provincia. Inoltre, come abbiamo avuto modo di spiegare in più occasioni, per il Partito Democratico la proposta va respinta al mittente perchè presenta sicuri profili d’illegittimità: peraltro, una norma di analogo contenuto è già stata bocciata dal Tar di Trento oltre al fatto che sulla materia esiste una giurisprudenza costituzionale consolidata. Si vuole forse un altro anno scolastico con graduatorie incerte, oggetto di ricorsi e controricorsi?».

Articolo aggiuntivo n. 9.09  al ddl C.4357 in riferimento all’articolo 9

Per leggere il testo dell’emendamento: parlamento.openpolis.it/emendamento/160198

 

(Ultimo aggiornamento ore 18.30)

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

5 Comments

  1. Maestra
    14 giugno 2011

    IL BONUS è VALIDO DA NORD A SUD….SENZA DISTINZIONE DI PROVENIENZA GEOGRAFICA O DI APPARTENENZA AD UN DETERMINATO PARTITO!

  2. memento
    14 giugno 2011

    IL BONUS è VALIDO DA NORD A SUD….SENZA DISTINZIONE DI PROVENIENZA GEOGRAFICA O DI APPARTENENZA AD UN DETERMINATO PARTITO!

  3. Tina
    14 giugno 2011

    “Verranno assegnati 40 punti in più nella graduatoria ai professori residenti nella provincia della scuola nella quale chiedono di lavorare” MA CHI HA SCRITTO QUESTO?????
    I 40 PUNTI SARANNO ASSEGNATI A COLORO CHE NON CAMBIERANNO LA PROVINCIA SCELTA NEL 2007!!!!!! DA SUD A NORD…… INFATTI IO SONO DEL SUD E NON MI SPOSTO!!!!!

  4. ines
    14 giugno 2011

    Per favore, correggete l’inesattezza della notizia che riportate: la proposta è di un bonus a chi resta nella graduatoria scelta nel 2007, qualunque essa sia, a nord come a sud, non per chi sceglie di lavorare dove vive. Il bonus infatti è apprezzato anche da tanti docenti del sud perchè scoraggia i trasferimenti selvaggi che non avvengono solo tra nord e sud ma anche tra una provincia e quella vicina, rendendo impossibile programmare la propria vita lavorativa (al sud e al nord)

  5. Anna Esposito
    14 giugno 2011

    Non mi risulta nessun errore.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *