Solstizio d’estate: i festeggiamenti di Stonehenge e Google

image_pdfimage_print

di Marco Milano

Sole stazionario, vale a dire la posizione limite della nostra stella, che non si alza né si abbassa rispetto all’equatore celeste : è il solstizio d’estate, scattato oggi, per la precisione, alle 11.28, registrando il massimo di ore di luce solare (il solstizio di inverno è, invece, il giorno in cui si raggiunge il minimo).

 

Matt Dunham/Associated Press

Un’appuntamento che Stonehenge non manca di celebrare con un tradizionale raduno, per ricordare il punto culminante del calendario pre-cristiano. Quest’anno è toccato alla Heelstone, vale a dire le pietre subito fuori il cerchio principale di Stonehenge. 18.000 persone, tra hippies, seguaci del paganesimo e semplici curiosi o appassionati, si sono incontrati approfittando dell’unica occasione per accedere all’area archeologica, altrimenti inaccessibile nel resto dell’anno. E magari anche per fare un po’ di rumore – questa volta, tuttavia, sono state arrestate solo 20 persone, per danni e possesso di droga…

Se Stonehenge ha salutato l’arrivo dell’estate con canti, danze, preghiere celtiche ed esibizioni artistiche, c’è stata un’altra occasione per vivere in modo ‘collettivo’ l’evento. Google – ormai puntuale nel festeggiare ricorrenze e eventi con homepage dedicate – si è affidato a Takashi Murakami, uno dei più popolari rappresentati della cultura giapponese contemporanea, con il suo doodle superpiatto, dichiaratamente ispirato alla corrente Otaku,  legata al consumismo e ai mass media giapponesi. Un modo per rendere omaggio anche al Sole, dopo il successo del logo dedicato all’eclisse lunare dello scorso 15 giugno.

E per festeggiare telematicamente, radunando di sicuro più visitatori di Stonehenge.  Con qualche arresto in meno.

 

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

One Comment

  1. Le Creurer Michelle
    23 giugno 2011

    Di origine bretone sono molto sensibile al tema .Il luogo e particolarmente suggestivo.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *