Burth Bacharach il 3 luglio al Parco della Musica

image_pdfimage_print

La cavea dell’Auditorium Parco della Musica farà da palcoscenico ideale per uno dei più grandi pianisti e compositori di tutti i tempi, Burt Bacharach, autore di tantissimi successi dagli anni sessanta agli anni ottanta con le parole di Hal David e le interpretazioni indimenticabili di Dionne Warwick (“Walk On By”, The Look of Love, “I Say a Little Prayer”, “What The World Needs Now”, “Anyone Who Had A Heart”, “24 Hours from Tulsa” “Make It Easy On Yourself). Per Luglio Suona Bene si esibirà accompagnato da un’orchestra di 12 elementi.

Bacharach inizia fin da giovane ad accompagnare al pianoforte celebri cantanti, dal 1958 al 1961 è stato il pianista di Marlene Dietrich con la quale si è esibito in tutto il mondo. Nel 1957 inizia la collaborazione con Hal David: la loro canzone “The Story of My Life” registrata da Marty Robbins diventa subito prima in classifica, come subito dopo “Magic Moments” registrata da Perry Como. Nei primi anni sessanta scrive insieme a David oltre cento canzoni e contemporaneamente inizia la collaborazione con Dionne Warwick, una delle più feconde della storia della musica durata oltre venti anni. Molti cantanti famosi hanno interpretato le sue canzoni, tra questi Dusty Springfield (The look of love), i Beatles (“Baby, It’s You”), i Carpenters (“They Long to Be”), Aretha Franklin, Isaac Hayes (“Walk On By”), Tom Jones (“What’s New, Pussycat”) e molti altri. Sono celebri anche le interpretazioni delle sue canzoni da parte di musicisti e cantanti jazz da Stan Getz e Wes Montgomery a Mc Coy Tyner e Diana Krall. Il successo di Bacharach arriva fino a tempi più recenti: nel 1998 vince un Grammy insieme a Elvis Costello per l’album  “Painted from Memory”. Tra i suoi ultimi dischi “At This Time” del 2005 nel quale partecipano tra gli altri anche Elvis Costello e Rufus Wainwright e  “Burt Bacharach: Live at the Sydney Opera House” con la Sydney Symphony Orchestra. Nel 2008 vince il Grammy alla carriera, dopo i sei Grammy e i tre Oscar conseguiti in precedenza. Nel marzo 2011 pubblica “When Ronan met Burt”, registrato con Roman Keating, che segna un’apertura verso il pubblico più giovane.

Info: 06.80241281 www.auditorium.com

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *