Guai giudiziari per il figlio di David Gilmour

image_pdfimage_print

di Madison Fox

Londra, 15 luglio. Il figlio adottivo di David Gilmour mitico chitarrista dei Pink Floyd, è stato condannato a 16 mesi di carcere con l’accusa di aver partecipato ai violenti disordini avvenuti durante le proteste studentesche contro il cospicuo aumento delle tasse sull’istruzione, avvenuti a Londra nel dicembre scorso. Charlie Gilmour, 21 anni, studente all’Università di Cambridge, era stato uno dei manifestanti che aveva assalito l’automobile del principe Carlo e la moglie Camilla, capitati inavvertitamente in mezzo alla manifestazione dopo essere usciti da teatro. Charlie, che era alquanto “su di giri”, era saltato sul cofano della vettura con a bordo i reali, sulla quale aveva poi tirato un cestino della spazzatura colpendo però un’altra auto. Poco prima era stato sorpreso mentre inveiva contro la polizia e poi si dondolava appeso a un monumento ai caduti di guerra. Il ragazzo si era scusato in una precedente udienza, ma il Giudice della Corte di Kingston, nella parte sudovest di Londra, ha definito il comportamento del giovane Gilmour “profondamente offensivo” ed ha aggiunto: “Quello che lei ha fatto va ben oltre i limiti della legittima protesta”. David Gilmour era in aula durante il procedimento, tra gli amici di Charlie. Il giovane è figlio della scrittrice e giornalista Polly Samson e del suo primo marito, il poeta Heathcote Williams: è stato adottato dal celebre chitarrista dopo il matrimonio con la Samson e la scomparsa di Williams.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *