Roma Capitale avvia una campagna anti stalking

image_pdfimage_print

di Maria Rosaria De Simone

A Roma, nell’ambito della campagna anti stalking favorita da Roma Capitale e dalla Omniares Communication,  verranno distribuite, ad ogni fermata della metropolitana, diecimila copie di un vademecum per difendersi dalla violenza.
Roma infatti, vive il dramma di una violenza, soprattutto contro le donne, diffusa ed incontrollata.
A ben conoscere il territorio, la sicurezza urbana presenta molti difetti, molte crepe, difficili da risolvere in tempi brevi.
Pochi sono i controlli. La presenza delle Forze dell’ordine, anche alla luce degli ultimi fatti, risulta assolutamente carente e, per contro, numerosi sono i gruppi di persone senza fissa dimora, ubriachi dalla mattina, che si appostano nei luoghi di passaggio e che son divenuti fonte di grave pericolo. Per tutti, ma in particolare per le donne che son costrette magari a tornare a casa dal lavoro quando le luci son già calate sulla città. Soprattutto, il pericolo aumenta a dismisura nei pressi delle fermate metropolitane che, a partire da una certa ora, sembrano divenire terra di nessuno, terra in cui tutto è permesso.
Necessario quindi un vademecum informativo che si rivolge proprio alle donne che viaggiano da sole in treno, a quelle che tornano a casa di sera, a coloro che vivono in periferia o in quartieri considerati a rischio, a coloro che subiscono violenza psicologica, ed tutte le donne in genere. Ma non solo.
L’obiettivo è quello di creare soluzioni e risposte mirate alle varie esigenze, nei confronti di quei cittadini che percepiscono una carenza di sicurezza personale tangibile.
All’interno del vademecum si trovano numeri utili da salvare sul cellulare e tutte le informazioni su Petra, un dispositivo all’avanguardia per la sicurezza personale, che viene sperimentato proprio a Roma, dotato di un localizzatore GPS in grado di inviare tramite rete, una richiesta di soccorso ad una centrale operativa 24 ore su 24.
L’obiettivo è anche quello di cercare di rendere la città più sicura. E per quanto concerne questo punto molto ancora si deve fare, anche e soprattutto, un migliore coordinamento delle Forze dell’Ordine.
Non bisogna infatti abbassare la guardia rispetto alla violenza sule donne e il  Delegato del sindaco per le Pari Opportunità, Lavinia Mennuni, così dice:
“La violenza sulle donne è un reato che non conosce frontiere geografiche, limiti di età e stratificazioni sociali e merita una sempre crescente attenzione. Per questo abbiamo voluto presentare una vera e propria guida con informazioni sullo stalking e sulla violenza e consigli utili sui comportamenti da adottare in situazioni di rischio, affinchè le donne possano sentirsi più sicure.”
Un primo passo, solo un primo passo.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *