Automobili elettriche: la rivincita in un documentario

image_pdfimage_print

di Marco Milano

E’ del 2006 “Who killed the electric car?”, il film-inchiesta di Chris Paine sulla scomparsa dal mercato delle Ev1, le auto elettriche veloci, economiche e ad emissioni zero promesse dalla General Motors e dalla Toyota, dopo gli entusiasmi per i primi modelli fatti uscire in California. Si trattava di una denuncia vera e propria, una provocazione a quelle major che avevano, a metà anni ’90, inspiegabilmente decretato lo stop di una possibile rivoluzione, ritirando dal mercato i pioneristici Ev1. Dopo quasi cinque anni è la volta di “Revenge of the electric car”, un anomalo sequel che racconta la rinascita dell’alternativa elettrica degli autoveicoli. Chris Paine ha portato le telecamere nei retroscena  della Nissan, della GM e della Tesla Motors, alcune tra le maggiori industrie di automobili  pronte a scommettere sulle green cars come il futuro della mobilità americana, ancora basata interamente sul consumo di petrolio. Tim Robbins ha prestato la sua voce per la narrazione di questo nuovo documentario che ha coinvolto, tra gli altri, Carlos Ghosn e Elon Musk, amministratori delegati e presidenti della Renault e della Tesla, Daniel Neil del Wall Street Giournal e che comprende camei del mondo dello spettacolo come Danny DeVito, Talulah Riley e Anthoney Kiedis dei Red Hot Chili Peppers. “Per questo film abbiamo voluto fare qualcosa di differente” – dichiara Paine nel sito ufficiale – “Nell’ultimo lavoro abbiamo seguito un gruppo di attivisti che combattevano ‘all’ esterno’. Questa volta diamo spazio agli imprenditori che lavorano all’interno e ciascuno di loro ci ha concesso di osservare il loro percorso di tre anni, a condizione di aspettare il 2011 per la distribuzione dei filmati.

Sono molte, infatti, le case automobilistiche che negli ultimi mesi stanno annunciando l’introduzione nel mercato dei nuovi modelli elettrici, prevista per il 2012.  Nel nostro Paese, è la proposta di legge per gli incentivi agli acquisti di veicoli elettrici, approvata lo scorso giovedì in commissione congiunta Trasporti e Attività produttive, l’ultimo segnale di interesse per la riconversione elettrica. La legge prevede un fondo nazionale di 60 milioni di euro per il periodo 2011-2015 con incentivi di 5000 euro in caso di acquisto di nuove auto elettriche. Questa spesa dovrebbe essere garantita da una copertura finanziaria ricavata da una tassazione di 1,5 centesimi di euro sulla vendita al pubblico delle bottiglie di plastica – una soluzione interessante per l’Italia, tra i maggiori consumatori di acqua in bottiglia.

Revenge of the Electric Car è la storia di un binario morto e del ritorno di un treno dato finora per disperso, lasciando molto spazio all’ottimismo ed evitando (precedenti) polemiche. Lo scorso 8 luglio, il film è stato presentato in anteprima in Italia al MobilityTech2011, dopo la proiezione di aprile al Tribeca Film Festival di New York, in occasione della Giornata Mondiale della Terra.

 

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *