Palio di Siena. Dal 1970 a oggi più di 50 i cavalli deceduti

image_pdfimage_print

Sul palio di Siena pareri divergenti ma, in omaggio al principio fondante del giornalismo inglese “i fatti separati dalle opinioni”, ricordiamo che dal 1970 sono morti nelle prove e nello svolgimento delle gare del palio più di 50 cavalli,  afferma l’Ente Nazionale Protezione Animali.

Questi i fatti che nell’ottica di un’associazione animalista qual è l’Enpa rendono pienamente comprensibile la posizione del Ministro Brambilla, che, coerente con i suoi principi, è volta a tutelare, nel novero delle infinite, splendide manifestazioni della nostra tradizione, quelle che non impiegano animali e che, quindi, al di là della volontà espressa non corrono il rischio – spesso trasformato in triste realtà – di incidenti anche mortali che coinvolgono gli animali stessi.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

2 Comments

  1. maxsiena
    26 ottobre 2011

    tutte cose inventate, ma su quali dati vi appoggiate e aggrappate ???? la maggior parte di questi cavalli non hanno mai preso parte alla tratta del palio, e parecchi nomi di cavalli fantomaticamente deceduti sono di pura fantasia, vedi orbetello, bandida de rios, e altri e altri, quindi zitti e chiudete la bocca prima di sparare queste illazioni

  2. 26 ottobre 2011

    Egregio maxsiena,
    ciò che è scritto non è frutto di illazione, ma di quanto dichiarato dall’Enpa: Ente Nazionale Protezione Animali.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *