George Michael: Symphonica incanta Verona

image_pdfimage_print

foto e testi: Stefanino Benni

Kindness in your eyes, I guess you heard me cry. You smiled at me Like Jesus to a child”, Georgios Kyriacos Panayiotou, in arte George Michael, ha decisamente incantato il pubblico accorso nella stupenda Arena di Verona, miscelando con estrema eleganza pop, rock, soul e r’n’b.

Agli inizi degli anni 80 con gli Wham ha conquistano il successo internazionale, con album memorabili quali “Fantastic” (83′) e “Make It Big ” (84′). Un enorme successo riscosso in tutto il mondo con brani come “Wake me up before you go”, “Bad boys” e, soprattutto, “Club Tropicana” e “Last Christmas” e tanti altri.

Si è poi lanciato in una fortunata carriera solista, iniziata nel  1987 con l’album “Faith”, con il quale vinse 2 Grammy Awards negli Stati Uniti, come artista r’n’b’. Vanno però ricordati anche altri capolavori come “Listen Without Prejudice, Vol 1” e “Older

Altri brani come “Freedom”,  “Careless Whisper”, “Everything she wants”,  “Jesus to a child” hanno portato George Michael all’apice del successo e delle vendite che si aggirano su circa 100 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Una carriera segnata magari anche da alcuni scandali e da gossip ma sicuramente e ben più importante dalla sua ineguagliabile maestria come artista e musicista e dal suo impegno nella beneficenza: Progetto Band Aid  (1984), Progetto Live Aid  (1985), e poi la donazione in beneficenza a Band Aid dei diritti d’autore di “Last Christmas”. Non per niente è considerato uno dei più grandi cantanti-autori Britannici.

E all’Arena di Verona per circa oltre 2 ore, Sir George ha letteralmente incantato gli spettatori con la sua elegante voce, allo stesso tempo dolce e potente, miscelando jazz e pop nell’armonia di una orchestra di 41 elementi. E’ apparso in splendida forma con occhiali da sole specchiati, camicia e pantaloni blu scuro, e poi in completo nero. Un enorme pannello ad altissima definizione, posizionato dietro l’orchestra, ha accompagnato con strabilianti effetti di luci (anche tridimensionali) via via tutte e 26 le canzoni in scaletta, scelte da un repertorio quasi trentennale, ma anche delle cover di alcune delle canzoni da lui più amate, ma di altri artisti.

George Michael in Symphonica The Orchestral Tour
Organizzazione Evento D'Alessandro e Galli

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *