Edoardo Sanguineti e il travestimento di un addio