Libia: ucciso Gheddafi per mano dei ribelli

image_pdfimage_print

L’annuncio della cattura e’ stato dato dalla tv libica dopo che Sirte, la citta’ natale di Gheddafi, e’ caduta in mano dei ribelli. Gheddafi e’ morto per le ferite subite nel corso della sua cattura a Sirte. Lo riferisce Al Jazeera, secondo la quale sarebbe morto anche il capo delle truppe lealiste, Abu Bakr Younus Jabr, mentre il portavoce del regime, Moussa Ibrahim, sarebbe stato catturato vivo. Intanto, il Cnt starebbe trasferendo il corpo di Gheddafi verso una localita’ segreta. Tra poco il presidente del CNT, Mustafa Jalil, dovrebbe inviare un messaggio al Paese. Poco prima della morte del Colonnello, il portavoce militare del Cnt della Libia aveva annunciato che Sirte, l’ultimo bastione dei combattenti fedeli al Rais, e’ ”quasi liberata.” ”La citta’ e’ quasi liberata. Gli scontri sono sempre meno intensi”, ha detto Abdulrahman Busin. ”Il comando del Cnt riferisce che Sirte e’ stata liberata, questo comporterebbe la fine delle ostilita’ dal punto di vista dell’avvio del governo provvisorio. E’ una grande notizia, non solo e’ finita la missione ma finisce la fase di transizione”, ha detto il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, al termine della presentazione del calendario 2012 dell’Esercito. ”La norma che si sono dati prevede che dalla conquista di Sirte e dalla fine delle ostilita’ – ha aggiunto La Russa – passino non piu’ di 30 giorni per la nascita del governo provvisorio, dunque non piu’ del Comitato. Il governo provvisorio dara’ a sua volta spazio ad un governo democraticamente eletto”. ”Si apre – ha concluso La Russa – semmai, ma dovra’ decidere il Parlamento, la questione di come aiutare la crescita del nuovo governo libico”. (Fonte: Asca)

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *