Continua l’emergenza Liguria. Un morto a Napoli

image_pdfimage_print

E’ di ieri l’ultimo aggiornamento del Comitato Operativo della Protezione Civile, in merito alla perturbazione che ha colpito Genova il 4 novembre, estesa adesso al levante ligure, al Piemonte, all’Emilia Romagna e Toscana. Secondo l’ultimo report della Protezione Civile, a Casale Monferrato e’ stata emessa l’ordinanza di evacuazione per circa 200 persone, mentre altre 35 sono state fatte allontanare dalle abitazioni a Frassineto Po. Durante la notte sono state evacuate 171 persone anche a Ozzano Monferrato, 39 ad Acqui Terme, due a Valenza, 60 a Pietra Marazzi e 10 a Novi Ligure. Evacuate 14 persone anche nell’Alta Val lemme e nell’Ovadese, dove circa 20mila persone sono senza acqua potabile. Maltempo anche in Campania: un uomo e’ morto nel napoletano a seguito della caduta di un albero sulla sua automobile. L’incidente si e’ verificato circa una ora fa ad Arco Felice, via Miliscola, frazione dei comune di Pozzuoli. Sulla tragedia indagano i carabinieri di Pozzuoli.

La videoconferenza si è svolta nella sala operativa della Regione Liguria, alla presenza del Capo Dipartimento della Protezione Civile – Franco Gabrielli – e in collegamento con le altre regioni interessate .

E’ stato emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni metereologiche, in previsione dell’insistenza della perturbazione in queste ore anche nelle zone già colpite. In Liguria, il coordinamento è gestito dall’unità di crisi attiva presso la Regione Liguria, per assicurare il supporto e il raccordo con la struttura nazionale.  Sono attivi i CCS – Centri di Coordinamento Soccorsi, nelle province di Genova, La Spezia, Savona e Imperia ed è stata predisposta la chiusura delle scuole  per la giornata di domani. 1.400 è il totale di persone evacuate (comprendendo per l’emergenza  gli eventi del 25 ottobre).

Come riportato sul sito della Protezione Civile, le indicazioni principali riguardano:

Mobilità:

Non si segnalano interruzioni sulla viabilità autostradale. Regolare il traffico ferroviario ad eccezione di una linea interrotta: la Genova-Acqui-Ovada bloccata a causa di una frana tra le stazioni di Rossiglione e Campo Ligure. Attivato un servizio sostitutivo su gomma. La tratta sarà ripristinata nella notte tra domenica e lunedì. Si segnalano alcuni disagi per quanto riguarda le strade statali 51 e 29 in Provincia di Savona, 432, 10 e Aurelia nello Spezzino e 62 e 63 a Massa, legati sia alla situazione emergenziale in atto sia all’evento calamitoso dello scorso 25 ottobre.”

Servizi essenziali:

Restano ancora disalimentate circa 20 utenze Enel nella città di Genova. I tecnici sono al lavoro per ripristinare il servizio.”

Provvedimenti:

Il Presidente del Consiglio dei Ministri ha firmato il decreto per la dichiarazione dell’eccezionale rischio di compromissione degli interessi primari in conseguenza dei fenomeni meteorologici avversi che stanno interessando le regioni del Nord Ovest del Paese. Al Capo del Dipartimento della Protezione Civile è attribuito l’incarico di Commissario delegato per l’adozione di ogni indispensabile provvedimento sul territorio interessato dall’eccezionale maltempo, al fine di assicurare ogni forma di assistenza e di tutela degli interessi pubblici primari delle popolazioni interessate, nonché di ogni misura idonea alla salvaguardia delle vite umane.”

Contact Center:

Il servizio Contact Center del Dipartimento della Protezione Civile è stato esteso fino alle 24.00 di oggi e sarà nuovamente attivo dalle 8.00 alle 18.00 di domenica 6 novembre. L’estensione – prevista dalla carta dei servizi del Contact Center – potrebbe essere modificata ulteriormente in base all’evolversi della situazione.

Regole di comportamento:

Si invita la popolazione, alla luce della situazione in atto e della evoluzione prevista, a prestare la massima attenzione per evitare di esporsi a rischi: si raccomanda di non uscire di casa e di portarsi, se necessario, ai piani alti. Massima prudenza nella guida se ci si trova già in viaggio nelle zone interessate dalle piogge o dai venti forti. Si sconsiglia di mettersi in viaggio verso la Liguria e si invitano gli automobilisti a mantenersi costantemente informati sulle condizioni di viabilità. Si ricorda inoltre che è fondamentale tenersi lontani da corsi d’acqua, ponti, passerelle, aree dissestate e allagate, evitare di scendere in scantinati e sottopassi, nonché passare sotto scarpate naturali o artificiali.”

A questo indirizzo è possibile consultare la mappa di allerta idrologica del Centro Funzionale Protezione Civile – Liguria


Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *