Festival del Film di Roma: sul red carpet vince Gucci. Le pagelle

image_pdfimage_print

di Annalisa Sofia Parente

La classe si sa, non va sempre a braccetto con il talento o con un portafogli generoso. Quante volte, cari lettori, davanti ad alcuni look di personaggi famosi ci chiediamo, con ingenua e schietta semplicità : ‘ma con tutti quei soldi non poteva vestirsi meglio?’ Non c’è una risposta sola a questo quesito malefico: alcune mises si possono giustificare con la stravaganza, altre con il rispetto delle regole di una moda corrente, altre con l’autorità della griffe che ha creato e realizzato l’abito che si indossa.

Elena Sofia Ricci

Anche il Festival del Cinema di Roma, con i suoi red carpets, ha fornito a noi pubblico giudicante uno scenario variegato di buono, cattivo e incomprensibile gusto… Affiliamo la lingua biforcuta e cominciamo a commentare il look di alcune star che hanno inficiato la classe e lo stile che un tappeto rosso implica per sua prestigiosa natura…

La bella Elena Sofia Ricci, con il suo abito vestaglia da notte e una pelliccia informe che le scivola dalla spalla sembra essersi appena svegliata da un sonno leggero, pronta a riscaldarsi con una grossa e calda coperta brown. voto: 4


Isabelle Adriani

Penelope Cruz

 

 

Isabelle Adriani, giunonica e sensualmente curvy, ostenta la prorompenza del suo seno,  degna di una copertina da playboy e anziché le orecchie da coniglietta preferisce indossare una casta coroncina da principessa. Oltre alla scollatura l’abito pecca per colore e tessuto, poco adatti ad una figura giunonica e morbida. Avrebbe potuto indossare un abito più maschile,come il completo Dolce & Gabbana sfoggiato da Penelope Cruz al photocall e sarebbe stata certamente più convincente e femminile. voto : 3

 

Elisa

 

Un informe bozzolo rosso che si mimetizza col red carpet è il vestito Alberta Ferretti di Elisa che ha sempre mostrato un look disimpegnato e personale, ma questa volta sembra essersi coperta, anziché vestita.voto: 4

 

Ziyi Zhang

Lo stile orientale ha sempre insegnato sobrietà ed eleganza minimalista. Non è purtroppo il caso dell’attrice ZiyiZhang: il suo abito principesco da cenerentola cinese della collezione resort 2011 di Christian Dior, è un luccicante pugno nell’occhio sul red carpet capitolino. Sveglia, Ziyi: siamo nel xxi secolo! voto: 5

 

 

 

 

 

Lorena Bianchetti

L’aria monacale e sempre fastidiosamente politically correct di Lorena Bianchetti sembra adattarsi con facilità alla vanità di un red carpet: la presentatrice  ha dapprima annoiato con un abito nero che, quando dimenticava di tirar dentro la pancia, le fasciava troppo girovita e fianchi, per poi sconvolgere con uno svolazzo di piume incommentabile. voto: 4

E poi , come vi anticipavo, ci sono dei look che non possono essere giudicati neanche. L’unica reazione che provocano è sgomento, convulsione, incubi notturni. Senza voto e senza parole vi lascio inorridire con le mises di Francesca Cuttica, Sara Pastore e Aline Pilato.

Francesca Cuttica

Sara Pastore

Aline Pilato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ambra Angiolini

 

Senza infamia e senza lode il vestito by Amen in paillettes multicolor di Ambra Angiolini: tuttavia il taglio corto dei suoi capelli, portato con disinvoltura nonché le sue smorfiette simpatiche la aiutano ad essere  spumeggiante e briosa, come piace a noi. voto: 6,5

 

Per fortuna ci sono delle star che si sottraggono allo scempio estetico o dal rassicurante ‘anonimato’, alzando così il livello dello stile e dell’eleganza dei red carpets del Festival del cinema di Roma.

Alessia Barela

Criticata, ma sfacciatamente alternativa è Alessia Barela che sveglia tutti con il blu elettrico delle calze sotto un abito di pizzo nero , corredato da un paio di sandali neri con plateau. Sarà stata contagiata dalla moda dei Puffi o di Avatar? Comunque..audace ed alternativa: voto 6/7

 

 


Valeria Golino

Abito lungo blu notte con piccolo strascico, tutto in pizzo e mezza manica per Valeria Golino, retrò nella scelta dell’abito, ma contemporanea nello sguardo e nei movimenti: ne risulta pertanto una fusione temporale accattivante che la promuove a bellezza non ordinaria e fuori dal tempo. voto: 7

 

 

Claudia Gerini

Claudia Gerini veste Alberta Ferretti, splendida ed impeccabile nel suo look del photocall composto da longuette rossa e blusa bianca (senza reggiseno) , mentre per un look grand soirée (meno convincente del primo), gonna vaporosa in tulle nero che si sposa con la coroncina casta che porta tra i capelli e una camicetta bianca trasparente che lascia intravvedere la lingerie scura. Benchè Claudia abbia imparato ad arginare con outfits molto raffinati la sua innata carica sensuale, c’è sempre qualcosa che maliziosamente sfugge da quell’equilibrio bon ton, stupendoci. Nota negativa è il finto neo sulla guancia sinistra: voto: 7,5


Di Gucci vestito il podio della mia classifica sul best look del festival del cinema di Roma 2011….In ordine crescente:

Francesca Neri

Francesca Neri, con pantaloni neri da smoking, gilet altrettanto nero in lana e mongolia e clutch in camoscio nero con bordi in oro. La raffinata sensualità e lo sguardo intelligente dell’attrice fanno altresì la loro parte!

voto: 8

Irene Ferri

Irene Ferri, anche lei opta per un total black con top in raso e  pantaloni 70s, spezzato sapientemente con una clutch gialla di raso con grosso fiore applicato e una pelliccia di volpe gialla che si fa di certo notare! voto: 8,5

 

 

 

 

 

 

Al primo posto della mia classifica c’è Carolina Crescentini che ha stupito all’unanimità con le sue mises, mostrando classe e buon gusto. Credo fermamente che si sia superata con questo abito Gucci bianco e nero di raso opaco, con sottile cinturino bronzeo e con un ricamo di fiori nero e bronzo. Gli accessori sono altrettanto cool: clutch in seta color bronzo e dello stesso colore, in pelle, i sandali a tacco alto. voto: 9,5

Carolina Crescentini

Messa a tacere la ‘lingua biforcuta’, ammetto che ad ognuna di noi, con un budget grande o modesto,  può capitare di sbagliare qualche look … A poche di noi è accaduto però di sfilare su un tappeto rosso. Pertanto mi/ vi chiedo: alcune star da red carpet riflettono minimamente sulla scelta della loro mise? Hanno l’abitudine di guardarsi allo specchio o di chiedere consiglio a qualcuno? Se noi donne ‘comuni’ abbiamo la tendenza a torturare le nostre amiche con mille possibili combinazioni di abiti, scarpe e accessori per una semplice uscita del venerdì… come mai le celebrità non fruiscono almeno di questo servizio gratuito di image consulting in occasione di un  red carpet? O  forse è da chiedersi: quanto sono malefici e diabolicamente fuorvianti i consigli delle amiche delle nostre povere dive?

Ai  giudici di stile, l’ardua sentenza!

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *