Il Governo tecnico di Monti

image_pdfimage_print

Guido Tabellini

Carlo Secchi

Ecco i papabili dell’ultima ora:

Guido Tabellini, professore di economia presso l’universita’ Bocconi al dicastero di via XX settembre, Carlo Secchi al ministero dello Sviluppo, il rettore della Cattolica, Lorenzo Ornaghi, all’Istruzione, Lanfranco Senn alle Infrastrutture, Cesare Mirabelli alla Giustizia, Giuliano Amato agli Esteri, Enzo Moavero sottosegretario alla presidenza del Consiglio: secondo quanto apprende l’Agi da fonti ben informate dovrebbero essere questi i nomi che Mario Monti vorrebbe portare al governo.

UN GOVERNO TUTTO DI PROFESSORI Solo tecnici, nessun politico, d’accordo con il presidente della Repubblica. Anche della squadra dell’esecutivo il presidente della Bocconi parlera’ con Silvio Berlusconi. Fonti parlamentari del Pdl riferiscono che Silvio Berlusconi avrebbe aperto al governo Monti. Ponendo un’unica vincolante condizione: la presenza di Gianni Letta nel governo.

Sul nome dell’attuale sottosegretario alla presidenza del Consiglio, pero’, c’e’ il no del Pd che vorrebbe solo tecnici. Una soluzione di compromesso potrebbe portare nell’esecutivo sia Gianni Letta che Enrico. Un’altra ‘condizione’ che, spiegano le stesse fonti, pone il Cavaliere e’ sul piano programmatico. Ovvero no alla patrimoniale.

Lorenzo Ornaghi

Lanfranco Senn

L’economista, infatti, sostengono fonti di via dell’Umilta’, vorrebbe una larga convergenza anche sul programma. Liberalizzazione delle professioni, piano di dismissioni, reintroduzione dell’Ici: sono alcuni dei punti sui quali il prossimo premier avrebbe fatto sapere di puntare. La Lega ha gia’ fatto capire che non appoggera’ Monti, ma che potrebbe ‘sposare’ alcuni punti del programma. “C’e’ chi pensa che anche sulla patrimoniale si potrebbe trovare una soluzione: ovvero ‘colpire’ soltanto una certa fascia di reddito”, osservano fonti ben informate.

Berlusconi, infatti, avrebbe confidato ai suoi di non voler sostenre un esecutivo delle tasse. Berlusconi ieri ha cercato per tutta la giornata di trovare una mediazione nel partito sul nome di Monti. Inizialmente la tentazione era quella di chiedere il voto del Pdl nell’ufficio di presidenza che si terra’ nel tardo pomeriggio a palazzo Grazioli. Le ‘colombe’ del partito gli hanno sconsigliano questa strada.

Cesare Mirabelli

Il Cavaliere, secondo quanto apprende l’Agi, ora e’ pronto a dire si’ al governo Monti. Anche per questo motivo il Pdl nel giro di consultazioni che si terranno al Colle dovrebbe recedere dalle intenzioni manifestate ieri: ovvero dall’idea di fare i nomi di AlfanoDiniNapolitano. Il presidente della Repubblica vorrebbe accelerare, in modo da ‘presentare’ ai mercati il nome di Monti gia’ lunedi’ (il giuramento potrebbe addirittura esserci tra domenica e lunedi’). (AGI)

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *