The Future is Medieval: l’adrenalina dei Kaiser Chiefs

image_pdfimage_print

foto e testi di Stefanino Benni

Adrenalina pura e ritmi frenetici ai Magazzini Generali di Milano, con il Rock dei Kaiser Chiefs, gruppo indie rock formatosi nel 1997, che ha vinto tre Brit Awards nelle categorie: Best Group, Best British Rock Act e Best Live Act nel 2006 ed un NME Award per l’album Enployment, nella categoria Best Album 2006 e venduto con i primi 3 dischi oltre 6 milioni di copie.

Protagonisti dei principali Festival Europei, i Kaiser Chiefs hanno suonato assieme ai più grandi nomi della nuova scena rock anglo-americana, partecipando anche al Live 8 nella città di Filadelfia nel 2005. Un loro primo singolo Oh My God, diventa inno dei tifosi del Leeds e raggiunge la top ten in America. Dopo il grande successo dell’album “Employment”, pubblicano un altro album di successo, “Yours Truly, Angry Mob” (2007), che raggiunge le vette delle classifiche inglesi ed europee. Ricordiamo il singolo “Ruby”,che raggiunse il primo posto delle classifiche britanniche. Nel 2008 poi escono con il terzo album “Off Whit Their Heads” da cui vengono estratti i singoli di successo come “Never Miss a Beat” e ” Good Days Bad Days”

Un ritorno in grande stile per promuovere l’uscita del loro quarto album “The Future is Medieval”, che ha assaggiato le scene con il singolo Little Shocks. L’album vanta il nome di Tony Visconti (produttore storico di David Bowie) . Per tale occasione il gruppo lancia una particolare ed innovativa iniziativa: attraverso il sito web ufficiale della band, rendono protagonisti gli stessi fan facendo loro scegliere la tracklist e la copertina del disco.

Diverse loro hit sono diventate colonne sonore di videogiochi, un gruppo molto particolare ed innovativo dunque, fuori degli schemi, che si presenta in uno show assolutamente divertente ed immediato nelle sonorità

Organizzazione Vivo Concerti

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *