Viterbo, Roberto Saviano inaugura il Festival “Caffeina Cultura 2010”

image_pdfimage_print

Di Valentino Salvatore

Parte in grande stile la quarta edizione di “Caffeina Cultura”, festival diretto da Filippo Rossi che si tiene nella cornice medievale del quartiere San Pellegrino a Viterbo dal 30 giugno al 17 luglio.

 In calendario  dibattiti, incontri, presentazioni di libri, proiezioni e spettacoli teatrali e musicali. E per i più piccoli anche “Senza Caffeina”, appuntamenti pomeridiani appositamente a loro dedicati. Caffeina perché “di tutte le sostanze, droghe o spezie che da secoli animano gli usi e i commerci degli uomini” spiegano gli organizzatori “è l’unica sostanza stimolante che sia riuscita ad abbattere resistenza e pregiudizio”.
Ad aprire le danze proprio mercoledì 30 giugno alle 21:30, in Piazza del Plebiscito, ci sarà Roberto Saviano con una conferenza sul tema “La libertà di raccontare”. Il patron Filippo Rossi spiega così la partecipazione del noto scrittore: “Inaugurare Caffeina 2010 con Roberto è rendere omaggio all’Italia che crede nell’impegno civile, nella forza della parola, nel coraggio di guardare la realtà e nella speranza del cambiamento. ‘Saviano non rappresenta solo l’arte che, con la forza dell’immaginario” sostiene con forza il direttore artistico “è rivoluzione culturale nella lotta alle mafie, ma è simbolo di un Paese che sa guardarsi allo specchio raggiungendo un pubblico sempre più ampio da Nord a Sud, dall’Europa all’America. Saviano è scrittura che racconta la vita, che racconta luoghi difficili, che racconta storie dimenticate o poco conosciute, è letteratura che si fa impegno civile, che unisce e coinvolge oltre ogni appartenenza, perché ha la forza della verità”. Aprire il festival con questo autore, conclude Rossi, “è riconoscere il ruolo dell’intellettuale moderno che fa della parola strumento per capire assieme, che fa della parola l’unico vero potere che può regalare la libertà agli uomini. La libertà di scegliere di essere liberi’”.
Il calendario di Caffeina Cultura è ricco e di aroma e sostanza e prevede la presenza d’altrettanti illustri ospiti. Filippo Rossi, giornalista e direttore di FareFuturoWeb Magazine legato all’area del Presidente della Camera Gianfranco Fini, è riuscito a coinvolgere personaggi e intellettuali anche molto distanti da quell’area politica. Un progetto culturale, quello promosso da Rossi con questo festival, che non si fermerà qui ma diventerà anche una rivista mensile, Caffeina Magazine. “Meglio la misticanza della militanza” proclama nel primo editoriale il giornalista “perché l’unico modo per salvarsi è abbandonare il sentiero tracciato”. Che è già tutto un programma.
Tra gli ospiti previsti negli incontri che si diluiranno nelle prossime settimane del Caffeina Cultura, giornalisti come Gad Lerner e Lucia Annunziata; Fulvio Abbate e la sua TeleDurruti; Oliviero Beha de Il Fatto; il caustico vignettista Vauro de il Manifesto e di AnnoZero; Massimo Gramellini, spesso ospite a Che tempo che fa di Fabio Fazio e firme de La Stampa. Senza contare scrittori dalle diverse e acute sensibilità come Erri De Luca, Pietrangelo Buttafuoco, Dacia Maraini e Antonio Scurati. Da segnalare anche personalità schiettamente laiche come il filosofo della scienza Giulio Giorello, l’astrofisica Margherita Hack e Beppino Englaro, il padre di Eluana che con la sua battaglia ci ha obbligato a confrontarci sui temi del fine vita. In mezzo agli altri appuntamenti, quelli con lo storico leader della contestazione giovanile Mario Capanna,  il presidente del WWF Fulco Pratesi, il cantautore Roberto Vecchioni e la coppia, artistica oltre che nella vita, Sergio Castellitto e Margaret Mazzantini, un ponte tra cinema e letteratura.
Caffeina Cultura è una kermesse inserita nella Rete dei Festival aperti ai giovani, promossi dall’Anci e sostenuti dal Ministero della Gioventù.  Di fronte a così tanta caffeina il torpore, almeno quello intellettuale, farà fatica a giungere. 

Per maggiori informazioni:

www.caffeinacultura.it

Foto di Luigioss in Licenza CC Attribuzione, Condividi allo stesso modo, Non commerciale

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

4 Comments

  1. 9 luglio 2010

    Salve.
    Sarebbe interessante sapere che tipo di cultura è quella di presentare gli italiani del Süditala come un popolo di aasassini.
    Salütonen

    By ROBERTO SAVIANO
    Published: January 24, 2010

    Italy’s African Heroes
    Naples, Italy
    WHEN I was a teenager here, kids used to shoot dogs in the head. It was a way of gaining confidence with a gun, of venting your rage on another living creature. Now it seems human beings are used for target practice.
    This month, rioting by African immigrants broke out in Rosarno, in southern Italy, after at least one immigrant was shot with an air rifle. The riots were widely portrayed as clashes between immigrants and native Italians, but they were really a revolt against the ’Ndrangheta, the powerful Calabrian mafia. Anyone who seeks to negate or to minimize this motive is not familiar with these places where everything — jobs, wages, housing — is controlled by criminal organizations.
    The episode in Rosarno was the second such uprising against organized crime in Italy in the last few years. The first took place in 2008 in Castel Volturno, a town near Naples, where hit men from the local mob, the Camorra, killed six Africans. The massacre was intended to intimidate, but it set off the immigrants’ anger instead.
    In Castel Volturno, the immigrants work in construction. In Rosarno, they pick oranges. But in both places the mafias control all economic activity. And the only ones who’ve had the courage to rebel against them are the Africans.
    An immigrant who lands in France or Britain knows he’ll have to abide by the law, but he also knows he’ll have real and tangible rights. That’s not how it is in Italy, where bureaucracy and corruption make it seem as if the only guarantees are prohibitions and mafia rule, under which rights are nonexistent. The mafias let the African immigrants live and work in their territories because they make a profit off them. The mafias exploit them, but also grant them living space in abandoned areas outside of town, and they keep the police from running too many checks or repatriating them.
    The immigrants are temporarily willing to accept peanut wages, slave hours and poor living conditions. They’ve already handed over all they owned, risked all they had, just to get to Italy. But they came to make a better life for themselves — and they’re not about to let anyone take the possibility of that life away.
    There are native Italians who reject mafia rule as well, but they have the means and the freedom to leave places like Rosarno, becoming migrants themselves. The Africans can’t. They have to stand up to the clans. They know they have to act collectively, for it’s their only way of protecting themselves. Otherwise they end up getting killed, which happens sometimes even to the European immigrant workers.
    It’s a mistake to view the Rosarno rioters as criminals. The Rosarno riots were not about attacking the law, but about gaining access to the law.
    There are African criminals of course, African mafiosi, who do business with the Italian mafias. An increasing amount of the cocaine that arrives here from South America comes via West Africa. African criminal organizations are amassing enormous power, but the poor African workers in Italy are not their men.
    The Italian state should condemn the violence of the riots, but if it treats the immigrants as criminals, it will drive them to the mafias. After the Rosarno riots, the government moved more than a thousand immigrants to detention centers, allegedly for their own safety, and destroyed the rudimentary camp where many of them had lived. This is the kind of reaction that will encourage those immigrants to see the African criminal organizations as necessary protection.
    For now, the majority resist; they came to Italy to better themselves, not to be mobsters. But if the Africans in Rosarno had been organized at a criminal level, they would have had a way to negotiate with the Calabrian Mafia. They would have been able to obtain better working and living conditions. They wouldn’t have had to riot.
    Italy is a country that’s forgotten how its emigrants were treated in the United States, how the discrimination they suffered was precisely what allowed the Mafia to take root there. It was extremely difficult for many Italian immigrants, who did not feel protected or represented by anyone else, to avoid the clutches of the mob. It’s enough to remember Joe Petrosino, the Italian-born New York City police officer who was murdered in 1909 for taking on the Mafia, to recognize the price honest Italians paid.
    Immigrants come to Italy to do jobs Italians don’t want to do, but they have also begun defending the rights that Italians are too afraid, indifferent or jaded to defend. To those African immigrants I say: don’t go — don’t leave us alone with the mafias.
    Roberto Saviano is the author of “Gomorrah: A Personal Journey Into the Violent International Empire of Naples’ Organized Crime System.” This essay was translated by Virginia Jewiss from the Italian.

    Ma che è scemo quest0?

  2. Valentino Salvatore
    10 luglio 2010

    Mi pare una generalizzazione dire che Saviano presenti gli italiani del sud come un “popolo di assassini”…

  3. 12 luglio 2010

    Salve.
    Egregio Valerntino Salvatore che altro deve uno straniero che non conosce la realtà italiana pensare quando legge una frase del genere sul NYT, quote: When I was a teenager here, kids used to shoot dogs in the head. It was a way of gaining confidence with a gun, of venting your rage on another living creature. Now it seems human beings are used for target practice.Unquote.
    Tradotto vuol dire, quote: Qiù da noi (Napoli, ndr) quando ero giovane, i ragazzi, per prendere dimestichezza con le pistole, sparavano in testa ai cani per sfogare la loro rabbia. (verso la Società ndr) Ora sembra che per far pratica di tiro usino esseri umani. unquote.

    Vede, Spesso batto sui tasti sbagliati, e leggo non quello che scrivo, bensì quello che indentedo dire, specialmente poi se scrivo in italiano e ascolto la tv in tedesco, francese o inglese, ma mi creda, queste tre lingue le parlo meglio che l’Italiano. (magari il franecese un po meno.

    Poi Roberto Saviano conclude con:quote: To those African immigrants I say: don’t go — don’t leave us alone with the mafias. Unquote

    Il che vuol dire, quote: a quei emigranti (non sono emigranti sono clandestini, ndr)dico: Non ve ne andate, non ci lasciate soli con le mafie. unquote.
    Insomma, dipende naturalmente dai punti di vista, secondo me Saviano quì ha esagerato e non poco
    Salutönen

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *