Salute e territorio: l’impegno di FareAmbiente per il 2012

image_pdfimage_print

Domani 14 dicembre, ore 10.00, presso i Musei Capitolini, sala Pietro Cortona, Piazza del Campidoglio 1, si terrà un convegno sull’alimentazione mediterranea.
FareAmbiente ha posto tra i suoi obiettivi 2012, quello di sensibilizzare la popolazione sulla corretta alimentazione, con particolare riguardo ai più giovani.
I motivi che spingono ad operare in questa direzione discendono da una duplice considerazione: l’aumento esponenziale del numero di cittadini afflitti dal problema dell’obesità e tra questi in aumento bambini e giovani e la necessità di salvaguardare e sviluppare le coltivazioni tradizionali Italiane, consentendo contemporaneamente il mantenimento e l’allargamento delle aree coltivate e, quindi, presidiate dall’uomo.
La scienza ha promosso la dieta mediterranea come fattore importante per una vita salutare: gli alimenti principali a cui questa dieta fa riferimento sono prodotti nel nostro territorio o pescati nei nostri mari. Ciononostante in Italia cresce la moda del panino con carni e grassi, dei pasti mordi e fuggi, dell’uso di addensanti provenienti dal grasso del latte o da altri maggiormente dannosi, mentre diminuisce il consumo dei cereali, dei legumi, delle verdure e della frutta; il pesce azzurro è sostituito da fritture di pesci congelati di sconosciuta o lontana provenienza e le bevande gassate, hanno soppiantato le spremute di agrumi o i frullati di frutta. Ed ancora improbabili merendine zuccherate hanno soppiantato le marmellate di frutta negli spuntini dei ragazzi.

Tutto ciò sta all’origine della obesità, anche infantile, delle alterazioni cardiovascolari, dell’aumento delle patologie legate alla presenza eccessiva di grassi e di zuccheri nella circolazione del sangue: in poche parole ci stiamo avvelenando. Infatti mentre la durata della vita cresce grazie ai progressi della medicina e della chirurgia, la qualità della vita stessa e la capacità di continuare a produrre impegno scendono a vista d’occhio come testimoniano il numero delle patologie trattate dagli ospedali ed il consumo dei farmaci.
Mentre questo fenomeno si espande, parallelamente aumentano gli abbandoni nelle campagne soprattutto nel meridione, ogni anno spariscono colture tradizionali che hanno caratterizzato i panorami agricoli e le abitudini umane per secoli. In contrasto a ciò aumentano le importazioni di prodotti alimentari sconosciuti sino a pochi decenni orsono, si modificano i sistemi di cottura dei cibi, intervengono con sempre maggiore frequenza le diversificazioni nelle diete di ogni giorno, sulla spinta anche della pubblicità che fortemente interviene su queste scelte grazie agli ampi margini di guadagno che consentono produzioni provenienti dall’estremo oriente o da aree a forte presenza di agricoltura industrializzata.

FareAmbiente ritiene urgente e doveroso impegnarsi in una grande mobilitazione volta a pubblicizzare linee coerenti di alimentazione sana, equilibrata e ricca di sapori, pubblicizzarla tra i giovani, nelle scuole, ma anche all’interno dell’intera società Italiana. Andremo a fare pressione sulle Regioni per fare prevedere menù consequenziali a queste scelte nelle mense scolastiche, ma affronteremo anche il problema delle mense aziendali, mentre cercheremo di convincere bar, ristoranti, luoghi di intrattenimento, ad osservare le regole delle dieta mediterranea che sono anche regole che riguardano i sistemi di cottura ed i condimenti oltre agli alimenti principali, magari esibendo un simbolo che rappresenterà la garanzia per i consumatori e testimonierà questa scelta, afferma Vincenzo Pepe, presidente di FareAmbiente.

Quindi una grande mobilitazione per la salute, la costituzione di un comitato nazionale di FareAmbiente per il coordinamento delle iniziative e la produzione delle linee guida, comitato che vedrà la presenza di esperti in tutti i settori oltre che dei medici, comitato nazionale a cui si aggiungeranno omologhi comitati regionali ai quali vogliamo presenti, in prima linea assieme agli scienziati, gli agricoltori, gli industriali del settore alimentare ed i ristoratori.

Segue il programma della giornata

ROMA 14 DICEMBRE 2011 ore 10,00

MUSEI CAPITOLINI – SALA PIETRO DA CORTONA

PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO, 1

Salute , Territorio e Turismo: l’ impegno di FareAmbiente per il 2012

Coordina i lavori

On. Salvatore Grillo – Esecutivo nazionale FareAmbiente

Inizio ore 10,00

Saluti:

On. Paolo Russo – presidente Commissione Agricoltura Camera dei Deputati

On. Federico Guidi – presidente Commissione Bilancio di Roma Capitale

On. Daniela Santanchè – segretario nazionale Movimento per l’Italia

Dott. Andrea Costanzo – Confcommercio Roma, presidente area Turismo

Introduce:

On. Sandra Cioffi – vicepresidente FareAmbiente

Ore 11,30 Tavola rotonda

“La dieta mediterranea: migliore qualità della vita ed attrazione turistica ”

Intervengono:

Dott. Elio D’Antrassi – Assessore alle Politiche Agricole e dell’Alimentazione della Regione Sicilia

Dott. Amilcare Troiano – presidente Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano

Prof. Adolfo Panfili – Università La Sapienza di Roma – esperto medicina molecolare

Dott. Giuseppe Maiani – dirigente di ricerca INRAN

Lucia Buffo-caporedattore Tg2 e coordinatrice rubrica di enogastronomia Eat Parade ( da conf)

Sig.ra Livia Iaccarino – coautrice del volume “ La cucina del cuore”- ristorante “ Don Alfonso 1890”

Dott. Alessandro Scoppettuolo – Commissione Ambiente Forum Nazionale dei Giovani

Conclusioni:

Prof. Vincenzo Pepe – presidente nazionale FareAmbiente

Ore 13,00

Brunch offerto da FareAmbiente presso la Terrazza Caffarelli del Campidoglio – Musei Capitolini con degustazioni dei prodotti tipici del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano

Ore 15,00

Incontro con i Quadri di FareAmbiente

La parola ai coordinatori regionali e provinciali

Musei Capitolini – sala della Piccola Protomoteca

presiede

Prof. Vincenzo Pepe – presidente nazionale FareAmbiente

Saluti

On. Michela Vittoria Brambilla – presidente fondatrice della Lega Italiana per la Difesa degli Animali (LEIDA)

Alessandro Sacchitella – responsabile nazionale guardie Ecozoofile FareAmbiente

Federica Ricci – responsabile nazionale giovani FareAmbiente

Interverranno i coordinatori regionali e provinciali di FareAmbiente

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *