Per i “mini-cinefili” il fine settimana è con Alvin

image_pdfimage_print

di Erika Sambuco

I Chipmunks tornano al cinema. Alvin, Simon e Theodore, personaggi del cartoon televisivo nato a fine anni Cinquanta, sono nelle sale cinematografiche con “Alvin Superstar 3 – Si salvi chi può!”, alla regia di Mike Mitchell.

I tre scoiattoli canterini hanno fatto la loro apparizione sul grande schermo in live action e CGI nel 2007 con “Alvin Superstar”, in cui il musicista Dave Seville li ha trasformato in vere e proprie star della musica pop. Visto l’incasso di oltre 350 milioni di dollari in tutto il mondo, ne è seguito nel 2009 “Alvin Superstar 2”, dove Alvin, Simon e Theodore finalmente incontrano le loro anime gemelle, le Chipettes (Brittany, Jeanette e Eleanor), un trio tutto al femminile.
In questo terzo episodio vedremo invece i Chipmunks impegnati in un’avventura, con accanto le loro Chipettes. Il rumoroso sestetto trasforma una lussuosa nave da crociera in una personale area giochi, fino al momento in cui i sei scoiattoli canterini non vengono catapultati fuori bordo e approdano su un’isola deserta. Mentre studiano un modo per riuscire a tornare a casa, scoprono che il loro approdo non è poi così deserto come sembra. Ci saranno un’epica gara di salsa, un vulcano in eruzione, un’atletica attrezzatura antropomorfica, un naufrago misterioso… E la musica, certo.

Alleggeriscono il messaggio pedagogico le citazioni, oltre che dal film di Danny Boyle, da “Cast Away, da “007”, “Lost ma forse, soprattutto, dal format de “L’isola dei Famosi”, perché stiamo pur sempre parlando di cantanti spiaggiati, con non pochi problemi di ego.
Un ritmo accelerato permette al film di contenere quasi ogni elemento dell’avventura classica dei naufraghi, dalla costruzione del rifugio al terrore del mostro alla scoperta di un tesoro, ma tanto dinamismo non eguaglia la qualità dei simpatici dialoghi tra il saggio Dave (Jason Lee) e il perfido zio Ian (David Cross), qui in versione grottesco pennuto. Colonna sonora di Rihanna e Lady Gaga in salsa squeak’n’roll.

Essenziale e stereotipato, ma meno offensivo nei confronti del tempo e del cervello degli spettatori (piccoli o grandi che siano) di molti altri prodotti analoghi in circolazione e soprattutto con più “musica nel sangue”.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *