Bud Spencer Blues Explosion a Roma

image_pdfimage_print

I BUD SPENCER BLUES EXPLOSION presenteranno al Lanificio159 il 26 gennaio il nuovo lavoro Do It.

 

Comincia così Do It: 17 secondi di chitarra slide e poi un riff prepotente e poi la batteria che colpisce alla stomaco e poi la voce che canta: “Sei più del minimo/ Se il minimo è simile a precarietà/ Come i pochi sodi che ho…”. Alcuni particolari da non sottovalutare e non necessariamente in quest’ordine: la canzone è  “Più del minimo”, la prima, appunto, di Do It; la chitarra e la voce sono di Adriano Viterbini, la batteria è di Cesare Petulicchio.
Altri particolari di un certo spessore: il suono è profondamente blues, l’attitudine è rock, emotività e tecnica sono dosate in maniera magistrale. Più di ogni altra cosa, questa è una di quelle cose che, come disse Joe Strummer  “ (…) si fanno perché si devono fare, tutto il resto non conta”.
Così, i Bud Spencer Blues Explosion fanno quello che vogliono e soprattutto fanno quello che devono. Lo fanno! Do It (appunto). Suonano quello che vogliono, quello che sentono, quello che devono suonare. Suonano blues, suonano rock, suonano. E lavorano duramente. Soprattutto i Bud Spencer Blues Explosion rispettano il proprio lavoro, rispettano la musica e rispettano tutte quelle persone che ascoltano la loro musica o che sono di fronte al palco mentre loro lavorano. E’ tutto molto semplice: niente trucchi, niente parrucche, niente effetti speciali. Tutto vero. Tutto sincero. Onesto.
E’ con questa sensibilità che i Bud Spencer Blues Explosion hanno immaginato e inciso il loro album. Potrà piacere o non piacere, il punto non è questo, perché volevano e dovevano fare Do It. Queste canzoni sono state registrate mentre i Bud Spencer Blues Explosion correvano da un palco all’altro e sono state scritte con la consapevolezza propria di chi vuole giocarsi fino in fondo la sua possibilità. Sono state provate con l’energia di chi ha “asfaltato” decine e decine di locali, di chi non vuole e non può più aspettare.
L’idea era quella di trasmettere quella carica emotiva e liberatoria che pervade i loro concerti. Un ritratto il più possibile fedele e a fuoco (lento, ovviamente, come il titolo dell’Ep Live che è stato pubblicato lo scorso maggio) di un suono e di uno stile che tocca il Delta del Mississippi e Seattle. Qualcosa che celebra Robert Johnson e Kurt Cobain, i Led Zeppelin e i Clash, Canzoni che camminano a testa alta e ti guardano negli occhi, come, solo per citarne alcune,  “Cerco il tuo soffio”, “Rottami”, “Dio odia i tristi” o la rilettura di “Jesus Is On The Mainline”.

http://www.bsbemusic.com/

http://www.myspace.com/budspencerbluesexplosion
http://www.facebook.com/ausgangproduzioni

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *