San Valentino 2012: come preparare una tavola perfetta seguendo la… bussola!

image_pdfimage_print

di Annalisa Sofia Parente

Mancano oramai 4 giorni al giorno di San Valentino e per quegli innamorati che desiderano condividere l’emozione e l’intimità di una cena romantica a casa, continua la guida semplice, veloce ed efficace di Cotto & Sedotto!
Dopo aver parlato di look romantico e seduttivo e prima di parlare del nostro simple and fast menu… ora concentriamoci sull’atmosfera: è importante che i colori, le luci, la musica e i profumi siano quelli giusti, affinché nulla possa stridere nel nostro mood!
Partiamo dalla tavola… Evitate di riempirla con cuoricini, farfalline, orsacchiotti e stelline: rovinereste l’effetto seduttivo in un solo colpo d’occhio!
Ci vuole fantasia decorativa, ma prima di tutto equilibrio. In che modo?
Innanzitutto, cercate di evitare il monocromatismo con colori accesi … Un total white in stile shabby chic o una bella tovaglia semplice, color panna e magari di lino con dei bei tovaglioli bordeaux, ad esempio, possono essere un’idea semplice, ma elegante: il colore chiaro crea un’idea di sobrietà, il bordeaux appartiene quella cromia considerata ‘romantica e passionale’.
Se non avete posate d’argento da sfoderare, non preoccupatevi: basta lucidare ben bene le vostre posate di metallo e renderle scintillanti perché forse non lo sapete, ma in loro scintillìo accelera il flusso del Qi e favorisce piacere ed eccitazione, secondo il Feng Shui.
Idem per i bicchieri in cristallo (ma se non li avete, come me, bastano dei bei calici ben lucidati per il vino e dei sobri bicchieri in vetro per l’acqua).
Scegliete piatti preferibilmente bianchi e piani sia per il primo che per il secondo, mentre per il dolce un classico piattino da dessert.
Ma non c’è tavola che non risplenda con una decorazione giusta e a san Valentino non possiamo rinunciare a qualche fiore e a tante candele!

Non riempite la tavola con tanti inutili ninnoli che possano frapporsi tra voi e i vostri parterns, impedendovi di guardarvi negli occhi! I segnaposto sono sempre un’idea inutile ma simpatica cui non rinuncio mai: i migliori sono quelli fai –da- te che potrete fare’da voi’, appunto, con delle stecche di cannella e un bel peperoncino rosso fuoco, legati da un filo di spago grezzo e accompagnati da un pezzetto mal tagliato di carta di riso beige con su scritti i vostri ‘nomignoli d’amore’.

Come centrotavola ve ne propongo uno fatto di mele/candele: le mele sono rosse, simbolo della tentazione, semplici e succose… e, scavate nella loro parte superiore possono contenere delle piccole candele bianche. Nell’euforia non dimenticate che non sono commestibili, ma solo fruibili come poetico portatore della vostra luce ideale.
Infatti, mai consumare una cena ideale in un ambiente con luce diffusa: essa deve essere soffusa, per favorire il dialogo e l’intimità; pertanto, usate anche lampade dalla luce debole e calda che possa provenire da più angoli della camera.
Il profumo dell’ambiente è un’altra componente fondamentale per un’atmosfera passionale perfetta, pertanto scegliete tra gli oli essenziali all’oppio bianco, al patchouli, al gelsomino, alla rosa, alle spezie… quello che più vi aggrada (non dimenticando di scegliere accuratamente anche il vostro profumo, magari cambiandolo con una piccola e nuova trasgressione olfattiva).


Voglio lasciarvi con un ‘indicazione molto particolare e bizzarra di cui credo pochi di voi siano a conoscenza… Sempre secondo la filosofia del Feng Shui, ci sarebbe una bussola erotica nella disposizione dei posti a tavola: l’orientamento migliore è verso ovest, perché espone all’energia associata alla sera e ai piaceri della vita. Verso nord stimola l’energia collegata alla notte e al sesso. Verso sud, favorisce la passione e l’espressione delle emozioni.
Nord, Sud, Ovest, Est… la scelta è ardua e importante, ma ce n’è per tutti i gusti!
Però, mi raccomando, almeno di questo cavillo erotico- logistico non rendete partecipe il vostro partner: potrebbe sentirsi ostaggio di un piano diabolico da eroticomane!

Vi linko qualche suggerimento musicale!


Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *