Spigola in salsa verde con Chili per ricordare un amore perduto e aspettarne un altro…

image_pdfimage_print

di Annalisa Sofia Parente

Questa è la storia di Alessio, un autista di 50 anni che ha trascorso la sua vita ad accompagnare donne ben vestite e uomini eleganti da una parte all’altra della città, inciampando nell’ascolto di parole di qualche amore desiderato o tradito, consumato o pronto ad esserlo. Ha sempre vissuto questa esperienza inevitabile di ascoltatore fortuito di cuori altrui con divertimento, fino a quando ad aspettarlo a casa c’era R. : ritornava, spesso a tarda sera e ne parlava con lei, sorridente e volutamente impiccione, tra le lenzuola, prima di chiederle di fare l’amore. R. lo ascoltava, ricambiando i suoi sorrisi, spesso chiedeva altri particolari e insieme si ritrovavano a costruire storie interminabili e colorate su una sola frase che Alessio aveva ascoltato da una donna in abito lungo, imbarazzata e voluttuosa al telefono.
Ora che R. è la regina di un amore perduto, Alessio cerca di lasciare le sue orecchie lontane da conversazioni e frasi d’amore bisbigliate… gli ricordano quelle vecchie emozioni e quegli antichi sorrisi che facevano da preludio a baci caldi e carezze lontane dal pudore.
Per lui questa ricetta di Cotto&Sedotto affinchè possa ricordare che per desiderare e amare non è mai troppo tardi: basta fermarsi, guardarsi allo specchio, accendere la radio e aspettare che la musica giusta, quella che scioglie il sangue ed accelera il battito, prima o poi arriverà. Basta accendere una radio e ritrovare gli ingredienti giusti.

Spigola in salsa verde con chili

Tempo di preparazione: 30 minuti
Difficoltà: 6

Ingredienti per 1 persona:

1 spigola (pulita al suo interno e squamata)
1 spicchio d’aglio
Pepe nero
Prezzemolo
Limone
Chili


Caro Alessio, prendi la spigola, mettila in un cartoccio di carta d’alluminio. Poi aprila e lasciala insaporire per 10 minuti con sale, pepe nero, un filo d’olio, succo di mezzo limone e uno spicchio d’aglio.
Poi infornala per 20 minuti a 130°. Servire con un letto di bacche rosa e un filo di olio d’oliva a crudo.
Intanto prendi il prezzemolo, sciacqualo bene e privalo dei gambi. Mettilo nel frullatore insieme ad un goccio di limone, ad un pizzico di sale e pepe, un filo d’olio e mezzo chili tagliato a piccoli pezzetti.
Una volta frullato, versalo in una ciotolina e guarniscila con fettine di limone e pezzi di chili.
Un ottimo calice di Fiano ghiacciato renderà il piatto ancora più ‘vitalizzante’.

Ingrediente segreto: CHILI
Il peperoncino è un condimento molto popolare, nonostante il dolore e l’irritazione che provoca.
La sensazione di dolore prodotta dalla capsaicina infatti stimola il cervello a produrre endorfine, un oppioide naturale in grado di agire da analgesico e produrre una sensazione di benessere. Lo psicologo Paul Rozin ritiene che il mangiare peperoncini rappresenti un esempio di “rischio limitato”, come le montagne russe, dove sensazioni estreme come paura e dolore possono arrecare piacere poiché si sa che non sono effettivamente pericolose.
Il peperoncino è molto ricco di vitamina E, la cosiddetta vitamina della fecondità e della potenza sessuale. Esso è infatti in grado di stimolare tutte le funzioni vitali del nostro organismo. Il peperoncino, grazie ai suoi principi attivi, al suo sapore, al suo colore e insomma alle sue mille qualità, è senz’altro una delle piante più adatte a stimolare in noi il desiderio sessuale e a metterci in grado di soddisfarlo”.

@@@ Caro Alessio, ti lascio con le note di una meravigliosa canzone di Fabrizio De Andrè, sperando che dalla poesia di queste parole e di queste note tu possa comprendere quanto un bell’amore, anche se perduto, possa essere un dono che la vita ci ha regalato. Ma ricorda che la mia ricetta oggi potrai gustarla da solo, ma soltanto perché tu possa comprendere di essere ancora vivo di passione dentro… Poi, basterà raddoppiare le dosi e potrai condividerla, finalmente, con una nuova bocca rossa.
Se non sarà un grande amore, non importa: la scoperta degli altri e il profumo di un corpo che desideri sono sempre una meravigliosa parentesi di esistenza che merita di essere vissuta col sorriso.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

3 Comments

  1. 26 febbraio 2012

    Che dire, l’articolo è stupendo mi è piaciuto moltissimo,la ricetta poi uno spettacolo 🙂

  2. Marzia Santella
    27 febbraio 2012

    Concordo pienamente Annalisa! Non è mai troppo tardi ! Complimenti una ricetta completa! 😉 Grazie

    Marzia

  3. Annalisa Sofia
    27 febbraio 2012

    grazie giulia e grazie marzia!
    è vero, non è mai troppo tardi: per concedersi un po’ di calorie e un po’ di calore in più.
    Alla prossima ricetta, allora 🙂

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *