La scienza e…Valentina Vezzali

image_pdfimage_print

di Mario Masi

Valentina Vezzali, pluricampionessa di scherma nella specialità fioretto, è uno dei simboli sportivi del nostro Paese. Inizia a tirare a soli 15 anni vincendo per tre volte di seguito il titolo iridato al Campionato mondiale cadette.

Da lì, è una cavalcata trionfale. Categoria under 20: medaglia di bronzo nel 1990, d’argento nel 1992, d’oro nel 1993 e 1994. Debutta alle Olimpiadi nel 1996, ai Giochi di Atlanta, ed è medaglia d’argento individuale e d’oro nella prova di squadra. A Sidney 2000 conquista l’oro, e si ripete ad Atene 2004. Campionessa del mondo di scherma nel 2005 a Lipsia, a soli quattro mesi dalla nascita del figlio, ad agosto 2008, a Pechino, è ancora oro.

E’ l’atleta italiana che ha conquistato più medaglie d’oro ai giochi olimpici. Fa parte del gruppo sportivo delle Fiamme oro della Polizia di stato. E’ sposata e ha un figlio di cinque anni. Nel 2006 ha pubblicato una autobiografia dal titolo ‘A viso scoperto’.

Segue i fatti di natura scientifica, le notizie su scoperte o problemi legati alla ricerca?
Purtroppo riesco a seguire solo le notizie di stretta attualità. Ogni tanto guardo su Sky qualche documentario con mio figlio, soprattutto quelli che parlano del mare e dei pesci, perché lui li adora. Apprezzo moltissimo Piero Angela e le vecchie puntate di Quark: pur non avendo interessi particolari resto affascinata da questi lunghi ‘viaggi.

Come andava a scuola nelle materie scientifiche? Ha mai pensato di svolgere una professione di carattere scientifico?
Avevo una piena sufficienza, ma di certo non brillavo. A professioni di carattere scientifico non ho mai pensato. Credo comunque sia necessaria una predisposizione per lavorare in questi settori.

Una volta ha dichiarato che prima di farsi visitare ci pensa sempre due volte. Ha scarsa fiducia nella medicina?
No, anzi, ho piena fiducia nei medici e nel mio staff. A volte ho paura della diagnosi e quindi ho timore di andare dal medico.

Quanto c’è di scientifico nella preparazione di un atleta di oggi a livello internazionale?
Praticamente ogni cosa. Dall’alimentazione con la dieta a zona agli esercizi mirati e ‘ad personam’. Tutto viene monitorato quasi quotidianamente. Io stessa sono seguita da un équipe di medici e nutrizionisti davvero impagabili.

Ha fiducia nella ricerca volta ad assicurare la correttezza delle competizioni?
Certamente. In tal senso credo si possano fare importanti passi avanti. Debellare il doping è un dovere. Ritengo inoltre che la tecnologia, se ben applicata, possa risolvere tantissimi problemi anche dal punto di vista arbitrale.

C’è una ricerca che le piacerebbe fosse eseguita, in ambito sportivo o non?
In ambito sportivo non ne vedo l’urgenza. In ambito sanitario sì. Non saprei indicare con specificità in che settore, ma vorrei sicuramente che la ricerca, che purtroppo in Italia vive un momento di stallo, potesse fare passi da gigante per risolvere i problemi di salute.


in collaborazione con l'Almanacco della Scienza del CNR

Mario Masi

Mario Masi

Master in Scienze Ambientali. Autore di: "No Slogan, le bugie al tempo dei catastrofisti". Direttore responsabile di Itali@Magazine.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *