Patti Smith dopo cinque anni ritorna sul palco di Luglio Suona Bene

image_pdfimage_print

Patti Smith, che ritorna dopo cinque anni di assenza sul palco di Luglio Suona Bene, ormai non può essere definita solamente una “sacerdotessa del rock” o una straordinaria “rockeuse”. Patti Smith è una delle personalità più importanti della cultura newyorkese degli ultimi trent’anni: poetessa, intellettuale, musicista, artista contemporanea, attivista, scrittrice, esponente di spicco della cultura femminile, è in grado di giocare con i suoni e con le parole con incredibile sapienza, profondità e senso estetico. Fu tra gli artisti che, 10 anni fa, parteciparono all’inaugurazione dell’Auditorium Parco della Musica.

“Easter”, il disco della sua consacrazione, l’album che l’ha portata al clamoroso successo internazionale esattamente trent’anni fa, fondeva già la poesia (di Rimbaud) con le canzoni (di Springsteen) e ha regalato alla musica di quegli anni una profondità di suono e di temi in grado di scuotere l’anima e di far sognare.

Patti, che è stata nominata nel 2007 nella Rock’n’Roll Hall of Fame assieme a R.E.M., Van Halen, ecc. si è assicurata un posto di autrice nella storia del rock’n’roll con i suoi “tre accordi rock uniti al potere delle parole”, e si è guadagnata la reputazione di straordinaria interprete della musica pop, facendo proprie le canzoni di altri artisti. A cominciare dal singolo “Hey Joe”, tratto dall’album Horses del 1974 che conteneva estrapolazioni di “Gloria” di Van Morrison o di “Land of 1.000 Dances” di Chris Kenner, passando per le performance di “You Light Up My Life” o “To My Generation” fino a oggi,   Patti Smith continua a dare nuova forma ai classici della musica popolare e a rivisitarli fornendo sempre una originale, inimitabile interpretazione.

Lo testimonia anche l’album pubblicato nell’agosto 2011, “Outside Society”: 18 tracce che raccontano la lunga carriera e la storia umana dell’artista americana. Sempre nel 2011 Patti canta insieme al gruppo musicale R.E.M. nella canzone “Blue”, presente nell’album Collapse into Now. Nel 2012 il primo libro di narrativa di Patti Smith le fa guadagnare istantaneamente il più importante premio letterario americano, The National Book Award. Infine, sempre nel 2012, in occasione del festival di Sanremo duetta come ospite straniero con il gruppo Marlene Kuntz cantando “Impressioni di settembre” della Premiata Forneria Marconi e il suo più famoso successo Because the Night,  facendole guadagnare una standing ovation e il premio unanime della stampa quale migliore esibizione.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *