Rivoluzione?

image_pdfimage_print

di Marzia Santella

Un Governo tecnico che per un giorno ci ha dato l’illusione di sopravvivere alla crisi finanziaria dilagante. Da mesi siamo sotto bombardamento di tasse, accise e orpelli vari al punto che la pressione fiscale rasenta il 66% manca un solo sei per diventare il numero del diavolo. Con il 34% del reddito che ci resta dovremmo pagare le bollette, carburante, campare. Chi riesce a vivere bene perchè il suo trentaquattro per cento è più alto della media non può spendere liberamente, non può prelevare liberamente né spendere contante, compra utilitarie per non vedersi comparire davanti la Guardia di Finanza. Come nel famoso romanzo di Orwell: “1984” lo Stato mira a tenerci sotto tiro in qualsiasi momento: dalle sigarette comprate al distributore con la tessera sanitaria, agli abiti, alla spesa, la palestra, i pedaggi autostradali. Di fatto un bracialetto elettronico virtuale, come i criminali. Veniamo controllati 24 ore su 24 da telecamere, satelliti e circuiti vari. Oltre che eliminare il contante in giro, evitare il riciclaggio dicono loro, di fatto  i tratti di una dittatura iniziano a farsi sempre più forti. Le Istituzioni sono tutte d’accordo nel tenerci a terra con la testa bassa a guardare l’asfalto mentre loro trovano il tempo di votare il finanziamento pubblico ai partiti che Noi italiani avevamo scelto, con regolare referendum, di abolire. I referendum, allora, sono una colossale e dispendiosa farsa. No al Ministero dell’Agricoltura? Istituiscono il Ministero delle Politiche Agricole, no al finanziamento? Istituiscono il rimborso. E noi zitti.  Adirittura espropriano i terreni per il Ponte di Messina.

Non oso nemmeno pensare alla montagna di Lire prima e di Euro poi per gli studi di fattibilità, progetti, stime e proiezioni, stesso dicasi della Linea ad alta Velocità in Val di Susa. Opere mastodontiche che nessuno vuole tranne chi ha tramato benefit e affari sulle nostre spalle. Infrastrutture necessarie lasciate all’incuria da decenni come la Salerno Reggio Calabria, innumerevoli ospedali finiti con attrezzature da milioni di euro abbandonati di cui, guarda caso, nessuno risponde né civilmente né penalmente. Vedo nel web persone mettere immagini di Benito Mussolini con commenti nostalgici. Manca poco all’inizio di una vera insubordinazione al Potere. Potere che unisce Destra e Sinistra, Sindacati tutti, e occupanti di poltrone illegittimamente che ignorano che la terra gli  sta franando sotto i piedi.

Però anche l’ingiusta plateale condizione in cui siamo relegati unisce.  Qualsiasi persona con un po’ di logica sa che l’economia gira e produce, se ci sono i fondi. Raccimolati tutti i Nostri soldi indebitamente non ci sarà più nessuno a produrre merci, occupazione e reddito. E’ vero ciò che ho letto allora: “Persone senza titoli di studio sanno aprire aziende, dare occupazione. Persone con tre lauree sanno farle fallire. L’intelligenza non si studia.” Auguro ai Governanti odierni di campare nei prossimi anni con 500 euro mensili, e che un barlume di coscienza li faccia dimettere, tutti, al più presto. Magari  dopo aver cambiato la legge elettorale in una notte e con la stessa velocità del “rimborso ai Partiti” perchè io cittadino ho il diritto/dovere di eleggere un rappresentante e non do una delega al partito di farlo al posto mio: Atto anti Costituzionale e lungi dalla Democrazia. Il conte Benso di Cavour disse: “Il primo bene di un popolo è la sua dignità.”

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

2 Comments

  1. 17 aprile 2012

    PENSO CHE RIVOLTARSI ORA SIA PRESSOCHE’ IMPOSSIBILE E INUTILE SE NON IMITANDO LA GRECIA.L’ITALIA E’ ANCORA COL PIATTO MEZZO PIENO E MOLTI ANCORA STANNO ANCORA TROPPO BENE PER SCENDERE IN PIAZZA.IL VOTO ….QUELLA E’ L’ARMA DEL POPOLO E SPERIAMO NON PERDA QUESTA OCCASIONE.ORMAI SEGRETI NON CE NE SONO PIU’,IL PANORAMA POLITICO NON OFFRE NIENTE DI BUONO TROVEREMO UN’ANTIDOTO ALLA POLITICA.

  2. Marzia
    18 aprile 2012

    Gentile Max, ne sono consapevole anch’io, per questo ho messo il punto interrogativo, temo che noi italiani non avremo la forza di andare in piazza come i greci…. lamentarsi borbottando o mettendo link sui social e non facendosi sentire veramente e civilmente non si ottengono risultati purtroppo. La politica pura è affascinante sono i ” rappresentanti” che vanno eliminati così come sono.Vedremo.
    Grazie Max.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *