La nuova Nada è ‘Vamp’

image_pdfimage_print

foto e testo: Serena De Angelis

Il tempo sembra non passare mai per l’eterna ragazzina che è salita sul palco per la prima volta a quindici anni cantando “Ma che freddo fa”: era il 1969, il palco era di quello di Sanremo.  Lei, manco a dirlo, è Nada.  Da allora la sua “malanima” non ha fatto altro che sperimentare diversi generi musicali, non nascondendo un interesse marcato per la musica cantautoriale e virando piano piano verso il rock.

Ed ora è in giro per l’Italia a suonare il suo ultimo lavoro “Vamp”, con il look sbarazzino, un sorriso e un’energia che hanno coloro che rimarranno giovani perché hanno la musica dentro.  Ha una carica esplosiva sul palco, tipica di chi ama quello che fa, ama la musica, e non si lascia legare le mani dagli accademismi.  Anche per questo, forse, ad accompagnarla sul palco ci sono i giovanissimi e bravissimi Criminal Jokers: Francesco Motta, Simone Bettin e Francesco Pellegrini

Artisticamente, negli anni, la sua strada ha preso tante svolte diverse.  Dopo il primo periodo in cui è legata a Migliacci che la scoprì e la portò ad un improvviso successo, si avvicina alla canzone d’autore italiana, incontrando artisticamente il controverso Piero Ciampi., livornese come lei.  E’ il momento di una svolta quindi, e siamo solo agli anni ’70, ma la cantautrice non trova tregua: a cavallo tra gli anni ’70 e ’80 c’è un ritorno al repertorio leggero che giungerà all’apice con “Amore disperato” del 1983, tutt’ora un tormentone.

L’incontro con Mauro Pagani nel 1999 darà alla produzione artistica di Nada la definitiva impronta rock, che la porterà nel 2011 ad incidere “Vamp”.

Dopo le date invernali Nada è ancora in giro per i palchi italiani: ieri sera è salita sul palco del festival “Supersanto’s”, per San Lorenzo Estate, organizzato dalla Ausgang Produzioni, che accompagnerà i romani tutta l’estate fino al 10 agosto. Affiancata dal bravissimo Andrea Ruggiero al violino, ha aperto il concerto la giovane e raffinata cantautrice Giulia Ananìa che si è alternata sul palco con Silvie Lewis.  Concerto tutto al femminile dunque, iniziato al calar del sole, che mette la bandierina della qualità su un festival che promette veramente bene, proponendo una ricca programmazione con numerosi eventi gratuiti, come il concerto di ieri sera.  Tutto il programma su www.sanlorenzoestate.it

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *