Disco di debutto per gli Urock

image_pdfimage_print

Esce questa settimana nei negozi e nei “digital store” il disco di debutto degli UROCK (distribuito in Italia da “Audioglobe”), band italo-americana che ha realizzato il progetto con i produttori ALAN PARSONS (“Pink Floyd”, “Beatles”; “The Alan Parsons Project”) e JACK ENDINO (“Nirvana”, “Soundgarden”) lavorando in tre anni tra gli Usa e l’Italia.

Può cosi anche accadere che, un giorno, dopo aver ascoltato dei provini, Alan Parsons e Jack Endino chiamino per invitare nei loro rispettivi studi una band sconosciuta: è una bella storia da raccontare quella degli Urock, nati dall’idea di Umberto Sulpasso (voce)- cittadino di Los Angeles con padre italiano, che, nel 1998 si trasferisce per alcuni mesi a Roma per interpretare la parte da protagonista nel musical “Jesus Christ Superstar” e incontra Cristian Murasecchi (chitarre) – italoamericano trasferitosi in Italia per studio – Giuseppe Mangiaracina (basso). Con altri musicisti (Riccardo Macri, Vieri Baiocchi e Cristian Buccioli) formano il “nocciolo musicale” della band.

Jack Endino (produttore per i “Nirvana” e i “Soundgarden”), che appare anche nella copertina del disco, firma l’album con il suo “tocco magico”. Tutto nasce da un “gesto coraggioso” della band: “Volevamo fare un disco veramente rock, senza compromessi – spiega Umberto Sulpasso – anche a livello di suono. Siamo sempre stati ammiratori del sound dei dischi dei Nirvana e, quindi, con una buona dose di follia, abbiamo scritto al mitico produttore Endino! Non solo ci ha risposto ma Jack ci ha ospitati a casa sua, a Seattle, ci ha fatto lavorare nel suo studio, il mitico” Soundhouse Recording” – lo stesso dei Nirvana – e ha trasformato i nostri demo in un disco vero. Jack dice che la ragione di tutto é perché ha una passione per la pasta e noi la cuciniamo bene, impazzisce per la nostra “carbonara”…ma, in fondo, sono certo che creda che facciamo anche del buon rock!! “. E’ cominciato così un importante sodalizio artistico e una grande amicizia musicale.

L’esperienza è forte e formativa, a tal punto che la band non si ferma e non pubblica le 9 tracce prodotte con il produttore di Seattle ma continua a scrivere (in inglese) ed ecco che un giorno, vengono inviati i provini di due canzoni, “Saint louis” e “The flight”, a Mr. Alan Parsons (il suo nome è strettamente legato ai Pink Floyd di “Dark Side of the Moon”; mentore del progetto che porta il suo nome e di hit mondiali come “Eye in the Sky” e “Ummagumma”), che, dopo qualche settimana, fa chiamare la band dal manager per invitarli nel suo studio a lavorare coinvolgendo anche PJ Olsen, il cantante degli “Alan Parsons Project”.

Ricco di citazioni di Pessoa, Coelho, De Moraes, Sepulveda, Jimenez, Marti, “Che” Guevara, Epicuro, che accompagnano le canzoni, e di “contaminazioni” – nel disco anche il “poeta cantore”della romanità Remo Remotti, che esprime tutta la sua rabbia nel monologo contenuto ne “La società dei magnaccioni“, “rivisitata” in chiave punk da “mister Endino”.

Info: http://www.facebook.com/UROCKBAND.officialwww.urockband.com

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *