Roma sperimenta la movida culturale

image_pdfimage_print

Ogni angolo di Roma nasconde segreti: da scoprire per chi non li conosce, da rivivere per chi già li ha potuti apprezzare.

Le caldi estati romane offrono l’occasione per gradevoli passeggiate alla ricerca di tesori storici, antichi monumenti e scorci illuminati dalla luce della luna che si presentano sempre con nuovi colori e diverse sfumature.

Per questo motivo l’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, in collaborazione con le Associazione culturali Formi4 e Alio Modo, propongono l’iniziativa “Passeggiando con la storia”,  un percorso itinerante nel centro storico della città animato da visite guidate e da rappresentazioni teatrali. La partenza è alle ore 21, con il calare del sole, e per circa 45 minuti guide esperte e attori intratterranno il pubblico con racconti sulla storia dei nostri monumenti e performance artistiche. La prima passeggiata culturale è in programma venerdì 31 agosto con partenza  da Via di  Tor Sanguigna  per proseguire attraverso lo Stadio di Domiziano, Piazza Navona, Via dei Baullari,  Piazza Campo de Fiori, Piazza Farnese, Via Giulia, Ponte Sisto e concludere l’itinerario a Piazza Trilussa dove l’attore Fabrizio Giannini si esibirà sul palco con una performance in omaggio a Trilussa.

Per il pubblico la passeggiata e lo spettacolo sono gratuiti. Per informazioni e prenotazioni: 060608

“Con questa iniziativa ‘passeggiando nella storia’ – spiega l’assessore alle Politiche Culturali e Centro Storico Dino Gasperini – vogliamo sperimentare un nuovo modello di movida culturale, restituendo al centro storico la sua funzione di luogo di cultura per  eccellenza. In sostituzione del tour alcolico, proponiamo un tour culturale che ha come protagonisti la storia e il teatro per vivere l’arte e i nostri monumenti in modo diverso con un intrattenimento sano arricchito da visite guidate e da animazioni di spettacolo”.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *