Halestorm, la rivelazione del rock americano

image_pdfimage_print

Foto e testo di Stefanino Benni

Se si dice Halestorm si parla principalmente dei fratelli Elizabeth “Lzzy” Hale (Voce & Chitarra) e Arejay Hale (batteria) che iniziarono a comporre e suonare musica dal 1997 ovvero quando avevano appena 13 e 10 anni. Inizialmente nel gruppo degli Halestorm suonava anche il padre dei due ragazzi (Lizzy ed Areljay), Roger Hale (basso), poi nel gruppo entrarono definitivamente Josh Smith (basso) e Joe Hottinger (Chitarra)

Nel 2006 con la Atlantic Records pubblicarono prima il loro primo EP intitolato “One And Done EP”, e successivamente nel 2009 il loro primo album, omonimo, seguito da un EP di cover di diversi artisti nel 2011, “ReAniMate: The CoVeRs eP”. Arriviamo poi al 2012 con la pubblicazione del secondo album“ The Strange Case Of….”

Gli americani Halestorm, sono famosi per i loro lunghissimi tour (nonstop) e ieri sera, durante il loro lungo tour europeo, hanno fatto tappa ai Magazzini Generali di Milano per l’unica data in Italia, dimostrando molta grinta sul palco e con tutta probabilità confermando il successo che in America pare oramai consolidato, per ciò che riguarda il panorama hard rock. Possono agevolmente vantare una solida fanbase e hanno suonato un po’ ovunque, arrivando in vetta alle classifiche in moltissime nazioni. Attualmente anche in Inghilterra hanno ottenuto un grandissimo successo, registrando soldout in una loro ennesima data. La cantante, Lzzy Hale, oltre ad avere una gran presenza scenica è vocalmente molto dotata e ha una buonissima tecnica alla chitarra.

“The Strange Case Of…” è un album che sta riscuotendo un successo fenomenale fra gli amanti del rock e non solo…. Insomma abbiamo a che fare con una vincente miscela di Hard Rock e pop.

< Ohhh, I miss the misery! – I’ve been a mess since you stayed, – I’ve been a wreck since you changed, – Don’t let me get in your way, – I miss the lies and the pain, – The fights that keep us awake-ake-ake – I’m tellin you! – I miss the bad things, – The way you hate me, – I miss the screaming, – The way that you blame me! – Miss the phone calls, – When it’s your fault, – I miss the late nights, – Don’t miss you at all! – I like the kick in the face, – And the things you do to me! – I love the way that it hurts! – I don’t miss you, I miss the misery!….. >

Organizzazione Evento Live Nation

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *