Vermeer alle Scuderie del Quirinale di Roma: il secolo d’oro dell’arte olandese

image_pdfimage_print

Di Stefania Taruffi

La mostra “Vermeer, il secolo d’oro dell’arte olandese”, dal 27 settembre 2012 al 20 gennaio 2013 alle Scuderie del Quirinale, offre al pubblico la prima grande esposizione mai realizzata in Italia dedicata al massimo esponente della pittura olandese del XVII secolo, uno degli autori più amati in assoluto dal grande pubblico.

Mostra-Vermeer- Roma 2012

Organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo e coprodotta con MondoMostre, la mostra è a cura di  Arthur K. Wheelock, Curator of Northern Baroque Paintings, National Gallery of Art di Washington, Walter Liedtke, Curator of European Paintings,  Metropolitan Museum of Art di New York e Sandrina Bandera, Soprintendente per il Patrimonio Artistico Storico, Artistico ed Etnoantopologico di Milano.

Johannes  Vermeer (1632  – 1675, Delft)  dipinse  non più di 50 quadri  nella sua vita (oggi se ne conoscono solo 37).  Conoscitore e mercante d’arte si considerava soprattutto un pittore. Lavorò solo su commissione e non dipinse mai più di due o tre opere l’anno, il necessario per mantenere la moglie e gli undici figli: oggi è considerato tra i più grandi pittori di tutti i tempi, certo uno tra i più conosciuti diventato personaggio di culto con dipinti-icone che hanno ispirato scrittrici, come Tracy Chevalier autrice del best seller “La ragazza con l’orecchino di perla”, e registi di Hollywood.

Delle opere di  Johannes Vermeer riconosciute autografe, nessuna appartiene a una collezione italiana.  Solo 26 dei suoi capolavori, conservati in 15 collezioni diverse, possono essere movimentati.  Negli ultimi cento  anni sono state  8 le grandi mostre su Vermeer e  solo 3 hanno ottenuto in prestito più di 4 capolavori dell’artista: nel 1996 alla National Gallery of Art di Washington, in seconda tappa al Mauritshuis dell’Aja, nel 2001 al Metropolitan Museum of Art di New York e nel 2003 in Spagna al Museo del Prado che, come l’Italia, non ha opere dell’artista di Delft, ma riuscì a riunirne 9.

Otto i Vermeer presenti nell’esposizione romana, dalle donne “ideali” alla celebre  Stradina, affiancati da cinquanta capolavori degli artisti suoi contemporanei, icone della pittura olandese del secolo d’oro, tutti accomunati da una particolare abilità per le diverse tecniche di rappresentazione della luce su materiali e superfici differenti.

Il visitatore potrà non solo avvicinare il genio artistico di Vermeer, ma anche capire come l’opera del maestro si rapporti con gli artisti  olandesi: gli

“Giovane donna con bicchiere di vino”- J. Vermeer

interni di Vermeer, per esempio, spesso rimaneggiati nelle decorazioni e pieni di oggetti non citati nell’inventario dei beni presenti nella casa in cui viveva, sono frutto d’invenzione o presi in prestito da altri, e dipinti sulla tela in uno spoglio sottotetto.

Nelle tele esposte, molti sono i soggetti casalinghi, privati, caratterizzati da un forte senso di realismo che appassionava i collezionisti privati dell’epoca, per lo più mercanti, panettieri, birrai, che esponevano i quadri nelle loro abitazioni chiedendo sempre nuovi soggetti.  La famiglia, i gesti e i momenti della vita quotidiana, la lettura e la scrittura (soprattutto la corrispondenza privata), il corteggiamento, la musica e lo studio della scienza, e poi le vedute della città, gli squarci di un mondo silente e operoso, luminosi di ironia e di assorta tenerezza.

Artista raffinatissimo e dotato di una straordinaria memoria visiva, Vermeer era sempre ben informato sulla produzione dei contemporanei olandesi, molti dei quali rappresentati in mostra. Sono infatti esposte le opere degli artisti coevi tra i massimi protagonisti dell’arte di genere del secolo d’oro olandese:  Carel Fabritius e Nicolaes Maes, pionieri  degli effetti sperimentali e naturalistici attinenti allo spazio e alla luce, che Vermeer utilizzò per accrescere il realismo delle sue composizioni pittoriche; Gerard ter Borch, osservatore insolitamente empatico di giovani donne come lo stesso Vermeer,  che da ter Borch trae ispirazione per i soggetti, migliorandone lo stile; Pieter de Hooch, tra i più celebri pittori dell’epoca, a sua volta ispiratosi a Vermeer. E ancora Gerrard Dou, il maestro del chiaroscuro applicato alle scene notturne “a lume di candela”, Gabriel Metsu, Frans van Mieris e Jacob Ochtervelt.

Nelle opere di Vermeer i colori dominanti  sono il blu e il giallo. E’ noto anche come il “Maestro della luce olandese” per la sua straordinaria capacità di descrivere la luce del cielo d’Olanda. Sembra, infatti, che dopo l’avanzata del terreno bonificato, il colore del cielo olandese sia cambiato perché la luce non è stata più riflessa verso l’alto dalle paludi e dai laghi. Questi dipinti sono una testimonianza preziosa per rivivere la delicata luminosità dei cieli olandesi.

Il fascino di Vermeer e la sua straordinaria raffinatezza esecutiva sono stati riscoperti abbastanza recentemente. La sua fortuna inizia, infatti, nella seconda metà dell’ 800 dopo che il critico francese Théophile Thoré-Bürger gli dedicò una appassionata monografia. E’ il 1866: sono passati quasi due secoli dalla sua morte, da allora la sua fama tra gli ‘intenditori’ non ha mai smesso di crescere.

Sostenitori del suo genio e incantati dalle sue opere furono anche  Teofilo Gautier, i fratelli Goncourt e, soprattutto, Proust che  mostrò verso  il pittore  un interesse intenso e quasi fatale, riconoscendone le  sottili affinità di temperamento.

Non è chiaro chi insegnò l’arte della pittura a Vermeer e poco si conosce della sua biografia, fu lo stesso Bürger  a definirlo ‘la Sfinge di Delft’. Eppure fu l’artista che insegnò a tutti a vedere la luce, pur  avendo limitato al massimo il suo spazio espressivo.

Dopo essere stato oggetto per molto tempo di una fortuna critica altalenante, deve una clamorosa riscoperta ad alcune indimenticabili e rarissime mostre fino al grande successo di quella tenutasi a Washington nel 1996, curata da Arthur Wheelock, fra i curatori di questa esposizione alle Scuderie del Quirinale.

In occasione della mostra, il Laboratorio d’arte propone per gli adulti, Spot! 20 minuti un’opera, quattro appuntamenti all’ora dell’aperitivo per “leggere” con sguardo diverso uno dei capolavori in mostra, L’evento, a cura di Paola Vassalli, responsabile del Laboratorio d’arte, avrà luogo da venerdì 19 ottobre e sarà condotto dalla storica dell’arte Anna Maria Panzera.

I  prossimi appuntamenti sono previsti uno il venerdì 16 novembre ore 19.00, nel quale ci sarà la descrizione dell’opera: “Ragazza con il cappello rosso”, enigmatico ritratto, insolito nella produzione del pittore olandese; poi il venerdì 14 dicembre ore 19.00 sarà la volta dell’opera “Giovane donna in piedi al virginale”: una luce pulviscolare inonda una stanza privata. Sulle pareti altri quadri creano un effetto di immagine nell’ immagine, con allusioni di senso. La giovane donna in piedi davanti allo strumento ci invita a intenderle, con ferma chiarezza.

In ultimo, venerdì  11 gennaio 2013, sempre alle ore 19.00, sarà presentata l’opera esposta “Allegoria della fede”. Diverso dalle tradizionali pale d’altare, il dipinto era destinato a una cappella privata, probabilmente clandestina. Colpisce la ricchezza delle allusioni simboliche, ricche di tradizione italiana, in un nordico contesto domestico.

Per bambini e ragazzi, da domenica 30 settembre, “Come suona Vermeer”, visita e laboratorio per conoscere la natura intima e silenziosa dei quadri del grande maestro del Seicento (Informazioni: didattica.sdq@palaexpo.it).

PRENOTAZIONI: tel. +39 06 39967500 www.scuderiequirinale.it

Roma, Scuderie del Quirinale : dal 27 settembre 2012 al 20 gennaio 2013.

Orari: Da domenica a giovedì dalle 10.00 alle 20.00

Venerdì e sabato dalle 10.00 alle 22.30

Ingresso: interi € 12,00 – ridotto € 9,50

Infoline e prevendita: tel. +39 06 39967500


Stefania Taruffi

Stefania Taruffi

Laureata in Lingue, co-fondatrice di Itali@Magazine. "Fare cultura" è la sua passione.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *