Roma, è notte alta e sono sveglio

image_pdfimage_print

Di Anna Esposito

Si avvicina lenta e attende il calar del sole la Sesta edizione de “La Notte dei Musei”, evento che si replica con collaudato successo di pubblico dal 2005, promosso dal Ministero della Cultura e della Comunicazione francese e giunto in Italia grazie al patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.  Ad attendere i veglianti avventori, musei, gallerie d’arte, spazi espositivi e culturali che si concederanno gratuitamente fino alle due della notte tra il 15 e il 16 maggio.
Lo scambio d’amorosi sensi che attraverserà le strade dell’Urbe sarà candido come può esserlo una prima notte di nozze, essendo questo il primo anno che Roma aderisce all’iniziativa. Saranno circa 60 i musei che rimarranno desti tutta la notte, con inclusa la possibilità di visitare mostre allestite ad hoc.  La musica accompagnerà lo scandire del tempo, immancabile viatico notturno, sono previsti concerti che si terranno all’Universita della Sapienza, a Palazzo Barberini, al Chiostro del Bramante ed al Pantheon. I peripatetici più esigenti non potranno mancare di approfittare di una passeggiata nel Roseto comunale,  nei Giardini di via di Valle delle Camene o nel Giardino segreto di Villa Borghese.
Fra le altre città italiane che aderiranno a “La Notte dei Musei” : Genova, Matera, Napoli, Padova, Pavia, Pesaro, Pescara, Ravenna,Torino e Verona.  E se Achille Bonito Oliva sostiene che l’arte è “un pasto gratis”, domani notte sarà particolarmente conviviale.

Per maggiori informazioni:

Ministero per i Beni e le Attività Culturali,”  Notte dei Musei 2010 “

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *