Yuri Ancarani vince il Talent Prize 2012

image_pdfimage_print

di Cinzia Colella

È Yuri Ancarani con la sua installazione “La malattia del Ferro” a vincere la quinta edizione del “Talent Prize”, il premio dedicato alle arti visive e ai giovani artisti, che quest’anno si è svolto sotto l’Alto Patrocinio dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell’Ambasciata di Francia in Italia, dell’Assessorato alle politiche culturali e Centro Storico di Roma Capitale.

Il premio nasce nel 2008 con l’intenzione di affiancare con competenza e serietà i giovani artisti contemporanei che trovano sempre più stimolante misurarsi con un sistema articolato e non sempre facilmente accessibile, come è quello dell’arte contemporanea.

Il Talent Prize oggi conferma e consolida la propria posizione nel panorama dei maggiori premi italiani grazie al costante incremento della qualità dei lavori e di adesioni da parte degli artisti che lo ritengono un mezzo efficace per accrescere la propria visibilità e valorizzare il lavoro.

Guido Talarico, ideatore del premio e direttore ed editore di Inside Art, dopo aver annunciato il vincitore e i finalisti della quinta edizione del concorso, ha dichiarato che “nonostante le difficoltà economiche, siamo fieri di aver organizzato e sostenuto il Talent Prize anche quest’anno, stringendo collaborazioni importanti e prestigiose” e ancora “un ringraziamento particolare va alla giuria, composta da importanti nomi del panorama artistico italiano, che ha svolto come nei precedenti anni un lavoro eccelso confermandosi di grande qualità”.

Gli altri finalisti dell’edizione 2012, selezionati dalla giuria, sono stati: Paola Anziché con il video “A Clara”; Ludovica Carbotta con la fotografia dal titolo “Il mio spazio”; Gabriella Ciancimino con il video “Dalla terronia con furgone”; Luigi Coppola con il video “On Social Metamorphosis”; Andrea Nacciarriti con il video “untitled [7 x 9 + 1]”; Valerio Rocco Orlando con la fotografia “¿Qué

Educación para Marte?”; Luca Pozzi  con istallazione “wall String #6”; Tamara Repetto con l’istallazione “Anosmia”; Valentina Vetturi con l’’istallazione “Un viaggio”. Il premio speciale “Metaenergia per l’arte” va, invece, a Tony Fiorentino con il video “Cleaning a Lamp for Street Lighting”.

Le opere sono state sottoposte alla valutazione di una giuria internazionale composta da direttori e responsabili di Fondazioni e Musei di arte contemporanea e critici di particolare rilievo: Alberto Fiz, direttore artistico del Marca; Anna Mattirolo, direttrice del Maxxi; Emmanuele F. M. Emanuele, presidente Fondazione Roma; Gianluca Winkler, direttore generale Hangar Bicocca; Guido Talarico, direttore ed editore Inside Art; Luca Massimo Barbero, curatore associato Peggy Guggenheim Collection; Ludovico Pratesi, direttore artistico Centro arti visive Peschiera di Pesaro; Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, presidente Fondazione Sandretto Re Rebaudengo; Eduardo Cicelyn, direttore del MADRE di Napoli e da quest’ anno Marie Fernandez, direttore delle attività espositive e visuali del Comune di Lille.

Il vincitore, oltre alla residenza d’artista a Lille per tre mesi, si aggiudica un premio acquisto di 10mila euro e, con i finalisti e il vincitore del premio speciale Metaenergia per l’Arte, parteciperà alla mostra conclusiva che si terrà a Roma, dal 17 al 22 novembre, al centro di produzione culturale “La Pelanda” (Piazza orazio Giustiniani 4). Al vincitore, ai finalisti e al premio speciale verrà, inoltre, dedicato un approfondimento sul mensile Inside Art e il catalogo della mostra.

A Breve i finalisti potranno essere votati dagli utenti del sito Repubblica.it che selezioneranno così il loro vincitore. Tutte le opere dei partecipanti, invece, potranno essere votate sul sito www.insideart.eu e la più cliccata sarà esposta alla mostra finale insieme agli altri vincitori.

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *