Al via il Torino Film Festival 2012

image_pdfimage_print
di Lorenzo Cappiello

Sarà Quartet di Dustin Hoffman ad aprire il 23 novembre, all’Auditorium del Lingotto, la trentesima edizione del Torino Film Festival, curata, per la terza volta consecutiva, da Gianni Amelio.
Ebbene sì. A settantacinque anni, Dustin Hoffman esordisce alla regia con una commedia piena di humor, tenerezza, malinconia, eccentricità, dove il rap si mescola con Mozart e l’arte e la musica curano i disastri e le paure della vecchiaia.
Il film, in uscita in Italia nel corso del prossimo anno, è sceneggiato da Ronald Harwood (Il pianista) e vede, nel ruolo delle “prime donne”, Maggie Smith, Tom Courtenay, Billy Connelly, Pauline Collins e Michael Gambon.
Il lungometraggio è ambientato a Beecham House, una casa di riposo per cantanti lirici e musicisti immersa nella campagna inglese, dove ogni anno si prepara il grande spettacolo per l’anniversario della nascita di Giuseppe Verdi. Tutti gli artisti residenti tornano sulla scena per raccogliere fondi per mantenere Beecham e, tra gorgheggi e capricci, rinascono ansie da “prima donna”, rivalità tra istrioni, isterismi. Qualcuno si sente male, qualcuno beve, qualcuno rifiuta di cantare. E, ad aumentare la confusione, arriva una nuova pensionante: la diva della lirica, Jean Horton, che ritrova Reggie, Wilf e Cissy, gli altri componenti di un quartetto leggendario. Reggie è il suo ex marito e il quartetto si sciolse quando divorziarono.
Che dire. Di sicuro, un inizio scoppiettante con un film molto atteso, che vedrà la partecipazione, come madrina della serata, di una delle attrici italiane più interessanti degli ultimi anni, Claudia Gerini.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *