Torino Film Festival: esordio da regista per Dustin Hoffman

image_pdfimage_print

di Lorenzo Cappiello

Che la trentesima edizione del Torino Film Festival abbia inizio e presso l’Auditorium Giovanni Agnelli di Lingotto, Gianni Amelio, direttore della kermesse, ha dato il via alla manifestazione cinematografica torinese.

Un trentesimo compleanno iniziato non nel migliore dei modi. Difatti, poche ore prima della vigilia, uno dei più importanti ospiti del Festival, Ken Loach, regista (inglese) di “La parte degli angeli”, ha deciso di dare forfait per essere solidale nei confronti dei lavoratori del Museo del Cinema licenziati o in difficoltà.

Una pugnalata difficile da mandar giù, tanto da spingere il sindaco di Torino, Piero Fassino, presente sul palco, a lanciare un appello a Loach affinché ci ripensi, cosa che sembra ormai impossibile.

Sono state queste le premesse di un’inaugurazione straordinaria con un red carpet veramente internazionale. Oltre alla madrina della serata, Claudia Gerini, erano presenti in sala e hanno sfilato sul tappeto rosso, tra gli altri, Alessandro Preziosi, Riccardo Scamarcio, Valeria Golino, Paolo Sorrentino (presidente della giuria), Hila Peleg, James Quandt, Richard Nordahl, Carlo Bachschmidt e Luca Pastore.
Tra le guest star della lunga serata, anche Dame Gwyneth Jones, una delle attrici principali di “Quartet”, film che ha aperto, con la madrina, con il sindaco di Torino e con il ministro Francesco Profumo, la kermesse con una sala piena di giornalista, di fotografi e di appassionati del cinema.

Dopo la presentazione, in anteprima nazionale, del primo film da regista di Dustin Hoffman (vero grande assente), una commedia piena di humour, rimpianti, battibecchi, ambientata in una casa di riposo per cantanti lirici e musicisti, la serata si è conclusa col taglio della grande torta per festeggiare il trentesimo compleanno del Festival. Ma, mentre scorreva il countdown, il Torino Film Festival era già iniziato ed è pronto, proprio dalla giornata di oggi, ad offrire una vetrina cinematografica d’eccellenza: sono 223 i titoli proposti, selezionati su circa 4.000 film visionati. Che lo spettacolo abbia inizio.

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *