La Corea del Nord attacca gli Stati Uniti sul grande schermo

image_pdfimage_print

“Trasformare in un batter d’occhio i regimi marionetta degli Stati Uniti e della Corea del Sud in un mare di fuoco”. Queste le inquietanti dichiarazioni che arrivano proprio ieri da Pyongyang, capitale della Corea del Nord, che non ha mai arrestato la sperimentazione di ordigni nucleari nonostante i fermi avvisi degli USA e dell’Onu. La situazione rischia di precipitare, le forze armate nord coreane si dichiarano pronte ad attaccare Washington, in attesa del solo ordine finale del leader supremo Kim Jong-un.  

Il Cinema, che sempre più spesso racconta sul grande schermo la nostra storia, questa volta la anticipa sorprendentemente con ATTACCO AL POTERE – OLYMPUS HAS FALLEN in uscita in Italia il 4 aprile. La Nord Corea sferra un attacco alla Casa Bianca prendendo in ostaggio il presidente degli Stati Uniti e minacciando un attacco nucleare.

Un gruppo di estremisti nord coreani da il via ad un audace agguato in pieno giorno alla Casa Bianca, oltrepassando l’edificio e prendendo in ostaggio il Presidente Benjamin Asher (Aaron Eckhart) e il suo staff all’interno dell’impenetrabile bunker presidenziale sotterraneo. Il loro obiettivo è quello di mettere sotto scacco l’intera nazione degli Stati Uniti. L’unica speranza per evitare la catastrofe è Mike Banning (Gerard Butler), l’ex responsabile della sicurezza il quale, rimasto l’unico membro dei Servizi Segreti ancora vivo nell’edificio assediato, diventerà gli occhi e le orecchie del Portavoce della Casa Bianca Allan Trumbull (Morgan Freeman) e dei suoi consiglieri.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

One Comment

  1. mercury
    15 marzo 2013

    Come ai tempi della Guerra Fredda, anche oggi queste tensioni tra diversi Paesi consentono di arricchirsi non solo ai produttori di armi, ma anche ai produttori di film.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *