Robin Neale: come creo il look delle star

image_pdfimage_print

di Marzia Santella

Bellezza Divina” era il nome della  pozione magica nel film “Shrek 2” che avrei bevuto volentieri, come penso molti altri, vivendo in  quest’ era globale in cui i parametri comuni della bellezza sembrano detronizzare tutte le altre qualità. Possedere l’arte ed il talento per individuarla nelle persone e farla fiorire diventa un business straordinario e consuma di passione chi non sa smettere di creare, di esaltare, di scoprire ciò che l’occhio comune non vede.

Partner intimo e complice, destinatario di confidenze e segreti, un po’ psicologo di “clienti” specialissime che siano manager o grandi attrici come Nicole Kidman, la compianta Amy Winehouse, star della musica come Midge Uhre e i Depeche Mode che lo impegneranno per alcune date del Tour Delta Machine di quest’anno. Robin Neale è tutto questo, una carriera iniziata a Londra, ventotto anni fa l’apertura, in Cornovaglia, del Russel Robin Hair Studio. Una carriera densa di incontri fantastici e grandi sfide. L’anno scorso la vittoria, della competizione del  Salone Internazionale tenutosi a Londra lo scorso ottobre. Un’attività incessante la sua, sempre a caccia di nuove idee. Poche domande per conoscere “Mr” Robin Neale e scoprire che:

Mr Neale qual è stato l’esordio della sua carriera di successo?

Si è trattato di un evento fortunato: mi trovavo al posto giusto nel momento giusto. La mia vita di apprendista per imparare l’arte dell’acconciatura all’età di quindici anni in Regent Street nel famoso Robert Fielding Salon. Lì ho avuto modo di svolgere il mio lavoro con le celebrità che frequentavano il salone. Sono stato un fortunato giovane uomo ho avuto però anche la passione ed il piacere di imparare il mestiere. Ho lavorato a Londra con mio fratello per poi decidere, ventotto anni fa, di trasferirci in Cornovaglia e aprire il nostro Studio. Non ho tralasciato però i miei contatti nel mondo della moda, del teatro, della musica.

Ci racconta qualcosa di insolito che le è successo lavorando con le celebrità?

Si certo, per esempio una volta successe che essendo in ritardo, mi mandarono una scorta della polizia per portarmi dalla mia cliente!

Le succede ancora di emozionarsi nel vedere la soddisfazione che un nuovo look dona  alle sue clienti?

Fortunatamente posso dire di essermi abituato, dopo tutti questi anni di attività, a vedere le clienti felici…spero! Una sola volta nella mia carriera, però, sono rimasto shoccato quando una mia cliente si è guardata allo specchio ed è scoppiata in lacrime. Erano lacrime di gioia perché le era piaciuto moltissimo il nuovo taglio. Grazie a Dio perché per quei pochi secondi ho pensato che lo odiasse!

Ad ottobre un bellissimo successo con la vittoria della Stella d’oro per il look giorno nel Excel Center Salon International di Londra. La prossima sfida?

Mi piacciono le sfide. Dovremo partecipare ad Agosto all’Art Coiffure Challenge. E’ una competizione diversa in cui dovrei lavorare sul palco davanti a migliaia di persone per cui dovremmo avere un effetto artistico con un tempo ristretto, sarà di sicuro, molto eccitante creare in quel contesto.

Parliamo dei Depeche Mode che saranno impegnati in un lungo tour. Lei è stato il loro hairstylist dall’inizio, quando suonavano nei pub. Le Sue impressioni ?

I Depeche Mode sono le tre persone più belle che io abbia mai conosciuto. Come ogni successo di massa di questo livello so che la pressione su di loro è immensa. Mi ricorderò sempre, una sera prendendo un drink in un pub dell’Essex con Fletch gli chiesi come andasse il lavoro. Lui ha risposto ok, gli ho chiesto allora dove aveva lavorato quel giorno e lui mi rispose Berlino. In questo Tour mi occuperò delle date di Londra e sono già emozionato.

Ciò che colpisce di è Robin Neale, un’icona d’oltre Manica, è che mantiene uno stretto riserbo non menzionando le celebrità con cui è spesso impegnato: anche questa, a mio parere,  è una chiave del suo successo. Traspare  l’appagamento profondo che alimenta la sua Arte. Un’eterna sfida con sé stesso. Ciò che si intuisce è che coltivare il proprio talento, solo la passione fa scordare di dormire e di mangiare, è faticoso e pone continui ostacoli ma sa al contempo nutrire l’anima e regalare le soddisfazioni più grandi.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

One Comment

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *