Jackson Pollock: al via il primo progetto internazionale di studio

image_pdfimage_print

Di Elisabetta Rossi

Jackson Pollock, Alchimia (Alchemy), 1947. Collezione Peggy Guggenheim

Jackson Pollock, Alchimia (Alchemy), 1947. Collezione Peggy Guggenheim

Venezia – Un team  internazionale di scienziati indagherà su undici opere di Jackson Pollock oggi conservate alla Collezione Peggy Guggenheim. I capolavori dell’artista americano saranno oggetto di approfondite indagini scientifiche.

In  una prima fase saranno condotte misure non invasive su tutte le undici opere della collezione grazie al lavoro dei tecnici del laboratorio mobile MOLAB (CNR-ISTM, SMAArt, INO – CNR) e del Laboratorio di Diagnostica di Spoleto. “Il MOLAB impiegherà strumentazioni allo stato dell’arte“ spiega Costanza Miliani coordinatrice del MOLAB ”per l’analisi elementare (fluorescenza a raggi X) e molecolare (spettroscopia Raman, FTIR, fluorescenza UV-vis), puntuale e di imaging, di pigmenti e leganti, riflettografia multispettrale VIS-NIR con lo scopo di caratterizzare la tecnica pittorica dell’artista e lo stato di conservazione delle opere”.

Peggy Guggenheim ha sempre considerato il sostegno dato a Jackson Pollock il traguardo più importante mai raggiunto durante la sua carriera di gallerista e collezionista. Fu lei a commissionargli numerosi dipinti, a organizzargli personali, a vendere e donare molte sue opere a musei e collezionisti internazionali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e il Museo d’Arte di Tel Aviv. Nel 1950 è sempre Peggy a organizzare la sua prima mostra in Europa nell’Ala Napoleonica del Museo Correr, in Piazza San Marco a Venezia. Per queste ragioni, le opere che Peggy ha scelto di tenere per sé e per la propria collezione personale, hanno un valore aggiunto.

Per l’avvio del progetto, oltre allo staff della Collezione Peggy Guggenheim, partecipano curatori, conservatori e scienziati del Getty Conservation Institute di Los Angeles, del Solomon R. Guggenheim Museum di New York, del Seattle Art Museum, dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, dell’Istituto di Scienze e Tecnologie Molecolari e dell’Istituto Nazionale di Ottica del Consiglio Nazionale delle Ricerche e del Centro SMAArt di Perugia. Il progetto di ricerca è coordinato da Luciano Pensabene Buemi, conservatore della Collezione Peggy Guggenheim e da Carol Stringari, conservatore capo del Guggenheim Museum di New York.

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *