La Stanza delle Carte: i pronostici sul Tour de France

image_pdfimage_print

di Elisabetta Rossi

La rubrica analizza personaggi, fatti di cronaca e temi di attualità sotto il profilo tarologico cercando di cogliere, attraverso la stesa dei Tarocchi, le potenzialità, le tendenze e gli esiti futuri.foto

Il Tour de France 2013, alla sua 100esima edizione, prende il via il prossimo 29 giugno per tenerci compagnia fino al 21 luglio.

Il terzo evento sportivo mondiale per importanza sarà anche il principale evento internazionale del 2013, visto che quest’anno non si disputano né Olimpiadi né Mondiali di Calcio.

Sono molti i big che si preparano a darsi battaglia per indossare la maglia gialla sui Campi Elisi: stiliamo, con la lettura dei Tarocchi, i pronostici sui ciclisti favoriti a vincere.

Tra gli outsider, al numero tre,  c’è Joaquin Rodrigez, esperto corridore di corse a tappe che fa della regolarità la sua forza; al numero due,  Alberto Contador (squalificato nel 2012) ed Andy Schleck, avversario ormai storico di Contador, che non ha potuto partecipare all’edizione 2012 per via di un grave infortunio; al numero uno, le carte confermano  Christopher Froome che, tra l’altro, l’anno passato si è piazzato secondo al Tour, proprio dietro al compagno di squadra Bradley Wiggins che non parteciperà quest’anno alla Grande Boucle. Il ciclista sudafricano ha disputato lo scorso Tour a fare il gregario con il freno a mano tirato mentre quest’anno potrà sfoderare tutta la propria potenza sia in salita sia a cronometro e non sarà per niente facile per Alberto Contador stargli a ruota in ambo le specialità.

Oltre a Wiggins, mancherà a Froome un altro temibile avversario: Vincenzo Nibali, che nella scorsa edizione si piazzò terzo al Tour de France e che esce vincitore da un grande Giro d’Italia. Tra gli italiani, l’unico che potrebbe far classifica è Caruso, mentre Cunego cercherà di vincere almeno una tappa.

Le carte consigliano di tenere sotto controllo Andy Schleck, il lussemburghese reduce da un grosso infortunio, una frattura all’osso sacro che lo ha tenuto molto tempo fermo e che per il momento non gli ha consentito di disputare un buon avvio di stagione.

La prima settimana del Tour de France sarà piuttosto tranquilla e per il primo arrivo in salita bisognerà aspettare l’ottava tappa (6 luglio). Interessante anche la nona, tappone pirenaico che farà le prime differenze. Ovviamente il meglio del Tour, per quanto riguarda le tappe di salita, sarà nella terza settimana, con l’Alpe D’Huez il 18 luglio e due tappe durissime, il 19 ed il 20 luglio, che delineeranno in maniera definitiva la classifica.

Ma attenzione al colpo di scena, sempre secondo la lettura dei Tarocchi: un incidente potrebbe rimescolare le carte, questa volta del Tour.

 

 

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *