Leonard Cohen incanta al Centrale Live al Foro Italico

image_pdfimage_print
foto di Serena De AngelisLa storia della musica ieri sera è salita sul palco del Centrale Live al Foro Italico: Leonard Cohen ha cantato tutti i suoi successi di fronte a un pubblico entusiasta.  Un altro centro per la rassegna presentata dalla Ventidieci.
Dopo sei decenni di produzioni musicali, Leonard Cohen è ancora sulla cresta dell’onda ed è probabilmente uno dei più grandi cantautori di tutti i tempi. Citando WB Yeats, Irving Layton e Walt Whitman, come influenze letterarie, Cohen ha sferrato il primo colpo alla ribalta dell’industria musicale negli anni ’60 e in seguito è rimasto un talento ispiratore e ha contribuito al settore musicale fin dal suo primo esordio. I suoi testi di passione, amore, religione, morte e solitudine hanno illuminato fan e musicisti di tutto il mondo. Con circa 1.330 cover dei suoi brani originali, del lavoro Leonard Cohen si sono innamorati artisti del calibro di U2, REM, Nick Cave e Johnny Cash, tra gli altri. I suoi album “Songs of Leonard Cohen” (1967), “The Future” (1993) e “Ten New Songs” (2001) sono giustamente considerati dei classici insieme con la bellissima “Hallelujah” e “Suzanne”. Il suo genio letterario e il suo talento musicale sono unici, leggendari come l’uomo stesso.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *