‘Venezia Salva’ debutta alla Mostra del Cinema

image_pdfimage_print

Il nuovo film di Serena Nono con la compagnia dei non attori

 di Elisabetta Rossi

Il settanta per cento del cast è composto dai senza tetto della Casa dell’ospitalità di Venezia e Mestre: Venezia Salva, liberamente tratto dalla tragedia di Simone Weil,  è l’ultimo film di Serena Nono che verrà presentato tra gli eventi speciali delle Giornate degli Autori  alla Mostra del Cinema della città lagunare. La pellicola racconta il tentato sacco di Venezia nel 1618 da parte della Spagna. Un gruppo di congiurati organizzati dall’ambasciatore spagnolo, il Marchese di Bedmar, e dal viceré di Napoli, duca di Osuna, prepara  il piano per conquistare Venezia che dovrà svolgersi nella notte che precede la Festa della Sensa ovvero lo sposalizio di Venezia con il mare, per annientare e annettere la Serenissima al regno di Spagna.Venezia Salva debutta alla Mostra del Cinema

Serena Nono, veneziana, pittrice e regista, ha al suo attivo altri due film, “Ospiti” e “La via della Croce”, sempre girati con gli ospiti della Casa dell’Ospitalità.

“La sfida è di rappresentare l’opera con non attori, con persone che parlano lingue diverse, che vivono il margine, lo sradicamento, in modo da ottenere una spiazzante dissonanza di accenti – precisa Serena Nono –  così si realizza un’empatia con il duplice pensiero di Simone Weil: la verità colta nella sventura, la verità suscitata dalla bellezza. Ed il potere come violenza. Abbiamo girato in luoghi storici come Palazzo Ducale e l’Arsenale, luoghi preziosi come campo S. Zaccaria e campo S. Francesco della Vigna, luoghi sacri come i chiostri di S. Francesco della Vigna e interni affascinanti come palazzo Benzon sul Canal Grande. ”

L’aiuto regia è di Manuela Pellarin, il direttore della fotografia è Tarek Ben Abdallah, la scenografia di Serena Boccanegra con la coproduzione di Rai Cinema.

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *