Miss Violence sciocca Venezia

image_pdfimage_print
 Un ritratto, tra incesto e violenza, anche del silenzio delle donne. Che tutto copre. Ma niente perdona.

di Elisabetta Rossi
In Concorso alla Mostra del Cinema l’opera seconda del regista greco Alexandros Avranas , fin qua il migliore film in lizza per il Leone d’Oro.

Eleni Roussinou

Eleni Roussinou

Il giorno del suo compleanno l’undicenne Angeliki si butta giù dal balcone e muore con un sorriso stampato sul volto. Mentre la polizia e i servizi sociali tentano di scoprire il motivo di questo apparente suicidio, la famiglia di Angeliki continua a ripetere che si è trattato di un incidente. Qual è il segreto che la piccola Angeliki ha portato con sé nella tomba? Perché la sua famiglia continua a cercare di “dimenticarla” e di tornare alla sua vita normale?
Violenza familiare, suicidio, pedofilia, incesto, patriarcalità imperante e, sul versante femminile, solidarietà che affiora solo nella passività colposa: alla povera Angeliki la famiglia fa letteralmente la festa, nel giorno del suo undicesimo compleanno, nel senso che lei si butta dal balcone. Una marionetta schiantata al suolo in una pozza di sangue, ma se tale è chi sarà il master of puppets? La risposta va ricercata tra le colpe e le reciproche omertà dei familiari, il padre (Themis Panou), la madre (Reni Pittaki), la giovane Eleni (Eleni Roussinou), l’adolescente Myrto, i piccoli Alkmini e Filippos.
Il dramma di una famiglia greca che ci riconduce alla cronaca di tanti giorni, a  un mostro della porta accanto in Germania, ma anche altrove, ovunque. Sì, è anche una storia italiana.  E che svela la violenza in giacca e cravatta di un padre (e nonno) indecente, l’ossessione di un uomo che per soldi vende i corpi della propria figlia (e delle nipoti) in scantinati sudici.
 Nel finale, che tutti ci aspettiamo, la porta rimane chiusa, perché è la brutta storia che accade accanto a noi e che nessuno vuole vedere”.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *