Venezia 70. Metti una sera a Palazzo

image_pdfimage_print
di Elisabetta Rossi 
C’è chi crede nel valore delle parole. Chi invece punta tutto sul potere delle immagini. La regista e giornalista russa Irina Izmestieva, dai capelli biondi e il corpo statuario (sembra più un’attrice), ha costruito un corto di 30 minuti per sostenere la teoria che vale più una foto di mille parole. S’intitola Picture perfect e racconta di un uomo al tramonto della vita, inasprito dall’odio verso il padre e dalla solitudine, che ritrova in una fotografia d’epoca, comperata a un mercatino benefico, Gloria, la ragazza che lasciò ma continuò ad amare per tutta la vita. PPF 821 Invite 22-05-13
L’immagine della ragazza, morta prematuramente di polmonite, prende vita, cambia l’esistenza dell’uomo, David, e, infine, lo porta via con sè.
Questo corto affronta temi “importanti” come la solitudine, la la morte e il perdono. E, quando ancora eravamo tutti assorti a ragionare sulle nostre esistenze, l’eclettico principe Maurice Agosti, perfetto padrone di casa della serata, ha spento le luci e acceso la musica, per farci dimenticare.
Tutto questo nella splendida location di Palazzo Tiepolo della famiglia Nassi, per la prima volta aperto al pubblico, perché la Mostra del Cinema di Venezia non è soltanto Lido.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *