Salone Nautico 53: reinventato con la formula anticrisi

image_pdfimage_print

di Elisabetta Rossi

La cerimonia dell’Alza bandiera e i saluti delle istituzioni locali hanno sancito l’inaugurazione ufficiale del Nautico di Genova numero 53 (orfana del premier Enrico Letta, forfait per il voto di fiducia) Si tratta di un Salone totalmente “reinventato” a causa della crisi che ha investito tutto il comparto della nautica: «Questo Salone è la sfida più difficile e importante che Fiera di Genova ha affrontato in questi ultimi 10 anni», ha detto la presidente di Fiera di Genova Spa, Sara Armella, ma per il governatore Burlando «si è fatto bene a non rinunciare al Salone. È più piccolo, più breve ma forse anche più bello. Meglio fare meno che non fare affatto». image (2)

Un Salone Nautico “concentrato” nella durata (cinque giorni invece di nove) e negli spazi espositivi, che quest’anno non comprendono il Palasport e il Padiglione C, ma  sarà un’esposizione che deve segnare il rilancio della nautica, anche grazie a una maggior presenza di barche in acqua: «Riteniamo con questa nuova configurazione di aver utilizzato gli spazi al meglio – ha spiegato Sara Armella, presidente della Fiera di Genova – Il Salone è pieno: mille imbarcazioni di cui cento novità sono la risposta a chi diceva che la manifestazione era in crisi». Anche perché «in estate si sono visti i primi cenni di ripresa del mercato – come ha detto Anton Francesco Albertoni, presidente di Ucina – e noi siamo qui per raccogliere la sfida».
La vera novità è all’ingresso: un grande layout rosso costato 650mila euro l’ormai celebre parete rossa a celare parte del padiglione “S”: è il Red Wall e «rappresenta il simbolo del cambiamento – ha chiarito la Armella – Quest’anno è il mare a essere al centro della manifestazione, grazie alla darsena e alla passeggiata sospesa».
Dimenticare il passato sembra essere la parola d’ordine degli organizzatori. «Non esiste metro di misura per questa edizione – inquadra Anton Francesco Albertoni, presidente di Ucina, Confindustria della nautica – ma di certo rappresenta l’intenzione di ritarare il Salone sul mercato del Mediterraneo». Non si mira più all’ambizione impossibile di ricoprire il ruolo di leader mondiale, ma a conservare il primato sulle manifestazioni del bacino più grande e importante, dal punto di vista commerciale. «E certamente rimaniamo primi al mondo nell’offerta – rilancia Sara Armella, presidente della Fiera – qui si troverà il gommone da poche centinaia di euro e la grande imbarcazione da 80 metri».
Mille barche, più di 100 novità in mostra,  più compatto, quasi interamente proiettato sul mare e più breve (5 giorni anziché 9), il Salone nautico di quest’anno è completamente diverso dalle edizioni precedenti. I 750 espositori che hanno raccolto la sfida, secondo gli organizzatori, hanno ottenuto un risparmio di costi dell’ordine del 30 % associato a una migliore qualità espositiva.

Dunque, cosa potranno trovare i visitatori al nuovo Nautico? Nonostante la “dieta” di espositori e prodotti in mostra, saranno rappresentati tutti i comparti della nautica, dalle imbarcazioni a motore – yacht e maxiyacht – al mondo della vela, dall’accessoristica e componentistica alla strumentazione per la navigazione, dall’abbigliamento nautico a tutto il comparto degli sport acquatici. Poco oltre le biglietterie (a proposito, la prevendita è stata un successo: 20% di ticket venduti in più rispetto al 2012), il percorso inizia con alcuni stand e col “red wall” a ricordare i loghi di tutte le manifestazioni del passato. La visita vera comincia nella tensostruttura a vela – Piazzale Marina 1 – che ospita le imbarcazioni a motore, fino a 16 metri; un passaggio sopraelevato consente poi al visitatore di ammirare le imbarcazioni anche dall’alto, regalando così un nuovo ed emozionante colpo d’occhio. Nel Padiglione B, al piano terreno, le imbarcazioni fino a 12 metri, le motorizzazioni fuoribordo e i gommoni. Al piano superiore, invece, si potranno trovare accessori e componenti. La novità più “ludica” è rappresentata dal Sea Experience, un coinvolgente contesto interattivo di prove pratiche e offerte inerenti il mare e le attività a questo legate, dagli sport nautici, al turismo. Da segnalare, poi, c’è “Boat Discovery”, piano terra del padiglione B: qui il potenziale armatore potrà essere accompagnato nella scelta della sua prima imbarcazione.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *