images

Arriva nelle sale ‘Il Quinto potere’, la storia di Julian Assange

image_pdfimage_print

Il 24 ottobre esce nelle sale IL QUINTO POTERE la storia di Julian Assange del suo portavoce Daniele Domscheitberg e del controverso sito che ha spalancato le porte dei segreti di stato americani.images

Il film è una specie di instant-biopic del fondatore di Wikileaks Julian Assange, con al centro la narrazione sul suo rapporto con il portavoce dell’organizzazione Daniel Domscheit-Berg, dal cui il libro Inside WikiLeaks – La mia esperienza con Julian Assange nel sito più pericoloso del mondo, pubblicato da Marsilio Editori lo scorso anno.

“Dopo l’uscita di Inside WikiLeaks – scrive Daniel Domscheit-Berg – nella mia vita ci sono naturalmente stati dei momenti in cui mi sono domandato se raccontare questa storia fosse stata la decisione giusta. È una cosa che mi sono chiesto spesso. Se avessi voluto semplicemente vivere in santa pace, avrei di sicuro fatto meglio a non scriverlo. Ma l’ho fatto per due motivi, che valgono oggi come allora. Uno è di natura personale: avevo bisogno di sfogarmi parlando di quella parte della mia vita. L’altro è legato al fatto che in generale ritengo importante dare il mio contributo alla verità, specialmente quando riguarda eventi da cui si possono trarre insegnamenti per il futuro e che possono aiutare a comprendere meglio tanto il passato quanto il presente.” “Non è strano – continua Domscheit-Berg – che ci siano persone che hanno un punto di vista differente dal mio, soprattutto persone che non erano in alcun modo direttamente coinvolte e che per qualche ragione non accettano che io abbia espresso pubblicamente il mio punto di vista. In ogni caso gli attacchi personali, in particolare quelli sui media e nei commenti in rete, non sono stati affatto piacevoli. Perciò ho deciso di dare meno importanza a ciò che si scrive o si dice di me e soprattutto di occuparmi meno di quel genere di cose. Ci sarebbero voluti un tempo e un’energia infiniti per fare piazza pulita di tutti quei continui malintesi e falsità.“The winning move is not to play”, per dirlo con le parole di WOPR, il super-computer del Pentagono nel film WarGames.”

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *