image

Prometeo: i rapporti fra scienza e società da Galileo ai giorni nostri

image_pdfimage_print

Il dossier presentato all’Ateneo Veneto di Scienze Lettere e Arti di Venezia

di Elisabetta Rossi

Prometeo di Augusto Forti, geologo, geofisico, per molti anni consigliere del Direttore Generale dell’UNESCO, racconta la storia degli scienziati e delle teorie scientifiche e di come la scienza abbia forgiato la storia e la cultura dell’Occidente, a partire da Galileo Galilei fino ai giorni nostri.image

E si tratta di una storia in cui il dialogo con il potere spirituale o temporale è stato spesso difficile, se non tragico, come nel caso di Giordano Bruno, condannato al rogo agli inizi del ‘600.

Non è un caso se le opere di uomini di scienza come Bacone, Pascal, Cartesio o Voltaire si trovano oggi negli scaffali delle librerie sotto l’etichetta “filosofia”.

In effetti questi scienziati, alla luce delle loro scoperte, riflettevano sulle grandi questioni esistenziali.

Oggi l’opinione pubblica guarda ai progressi della scienza e della tecnologia con una certa apprensione, come a qualcosa di fuori controllo, e questo origina un ampio dibattito nella società contemporanea.

Il volume cerca di dare risposta a molte delle domande che ci facciamo sui rapporti che intercorrono tra la società, la scienza e la tecnologia, riflettendo anche sul nostro passato recente, dalla Seconda Guerra Mondiale, in cui i fisici atomici si divisero fra un gruppo che si rifugiò negli Stati Uniti, Canada e Inghilterra per sostenere le democrazie e un altro che preferì servire le dittature, fino all’attuale crisi economica.

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *