La storia del mondo con il Teatro degli oggetti all’Argentina di Roma

image_pdfimage_print

di Elisabetta Rossi

Mostrare le cose, nella convinzione che perfino il più inoffensivo souvenir custodisca un messaggio, uno spunto, una scintilla, una dinamo narrativo, forse perfino magico. È questo Il Teatro degli oggetti, che lo scrittoreimage (4) e mette in scena giovedì 28 novembre alle 21.00 al Teatro Argentina di Roma, entrata libera fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Un racconto della storia del mondo mediante gli oggetti.
Gli attori sono le cose, senza un rigido testo drammaturgico di riferimento; le cose nella loro suggestione immediata, nel loro carico di memoria o di straniamento. Gli oggetti offerti all’attenzione altrui dal narratore e così commentati in una sequenza che, per accumulazione, crea una sorta di romanzo visivo delle cose. Come il gioco da tavolo che Groucho Marx realizzò per il canale televisivo NBC negli anni Cinquanta, l’omino del detersivo che fumava miracolosamente le sue sigarette, l’ippodromo meccanico con i suoi cavalli di bachelite, l’immagine votiva della santa dei poveri del Perù che rende invisibili i ladri, il gagliardetto del Rotary Club di Hiroshima, la banconota emessa dagli anarchici spagnoli nel 1936, il temperamatite a forma di John Fitzerald Kennedy e tanti altri ancora.

Fulvio Abbate è nato a Palermo nel 1956, e vive a Roma. Scrittore, dal 1998 Teledurruti è la sua televisione “monolocale”, www.teledurruti.it.  Scrive di televisione su “il Fatto Quotidiano. Nel settembre del 2012, il Collège de ‘Pataphysique, di cui fa parte, lo ha insignito del titolo di Commandeur Exquis de l’Orde de la Grande Gidouille. Nel settembre 2013 ha ricevuto il Premio della satira politica di Forte dei Marmi per Teledurruti.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *